Pisa - Carrarese 2-1 | Delirio nerazzurro: Carrarese cancellata, Pisa al Secondo Turno Nazionale dei playoff

Botta e risposta fra le due squadre alla metà del primo tempo: Pisa avanti con Moscardelli, ripreso da Cardoselli. Nella ripresa la squadra di D'Angelo spazza via dal campo gli avversari e trionfa con il gol di Gucher

Tutti in piedi all'Arena Garibaldi: standig ovation per il Pisa, che spazza via la Carrarese sul piano del gioco e della rabbia agonistica. Un dominio nerazzurro che vale l'accesso al Secondo Turno Nazionale dei playoff.

Primo tempo a tutto gas da parte delle due squadre. Il Pisa assesta la prima bordata del match con la magia di Moscardelli, che tira fuori dal cilindro uno dei gol più belli della stagione. La Carrarese, arrivata a Pisa con uno spirito gagliardo e battagliero, sbanda per un paio di minuti dopo il vantaggio nerazzurro ma poi si rimette in carreggiata con una bella combinazione fra Maccarone e Cardoselli: il centrocampista si inserisce dalle retrovie e fulmina Gori da pochi passi. La prima frazione viene archiviata sulla falsa riga del match di andata: i nerazzurri comandano il gioco, costruiscono moltissimo e spesso mettono in difficoltà la fase difensiva della Carrarese. Che, per contro, vive sulle invenzioni dei singoli grazie alla grandissima abilità di convertire in rete le chance create. Chi si aspettava la spinta rabbiosa degli ospiti rimane piacevolmente spiazzato: è il Pisa ad annichilire gli avversari spazzandoli via dal campo con una delle frazioni più belle dell'intera stagione. Piovono le occasioni per i nerazzurri (clamorosa quella di Pesenti servito da Di Quinzio), che rimettono la freccia con un'altra sassata di Gucher dai 25 metri che si infila all'angolino. L'Arena adesso è una polveriera: il delirio dei 10mila cuori nerazzurri esplode al triplice fischio finale.

La partita

Fuori i secondi. I due pugili tornano sul ring per la seconda e decisiva ripresa del Primo Turno Nazionale dei playoff di Serie C. Dopo il pirotecnico pareggio di tre giorni fa a Carrara, stavolta il palcoscenico sul quale si esibiranno Pisa e Carrarese sarà affollato da oltre 9mila spettatori: è un'Arena Garibaldi da brividi fortissimi quella che fa da cornice alla partita più importante della stagione nerazzurra. Il Pisa si presenta all'appuntamento con l'intera rosa a disposizione: resta in tribuna soltanto Verna, escluso dai convocati al termine della rifinitura mattutina effettuata allo stadio. Due assenze pesanti invece nello scacchiere di mister Baldini, che senza Giacomo Ricci e Scaglia (squalificati) dovrà reinventarsi la corsia mancina della difesa.

Mister D'Angelo vince la gara della pretattica e lancia a sorpresa dal 1' capitan Moscardelli: panchina iniziale per Pesenti. Come preventivato invece torna titolare Lisi: è questa l'unica altra differenza rispetto allo schieramento di partenza di tre giorni fa. Nella Carrarese invece fuori a sorpresa Carissoni: a destra, in difesa, va Rosaia; rientra al centro Murolo anche se non al meglio. In attacco parte dal 1' Maccarone, con l'altro senatore Tavano inizialmente in panchina.

La gara si apre con la coreografia dell'Arena, in un frastuono incredibile che rende praticamente impossibile sentire i fischi del signor Marchetti. La Carrarese non disdegna il contatto fisico in ogni zona del campo e il Pisa risponde per le rime. Il primo quarto d'ora fila via sul filo dell'equilibrio più totale. Il pallino del gioco è in mano al Pisa, che mena le danze sfruttando tutto il campo; la Carrarese risponde con un atteggiamento che privilegia le ripartenze.  Gli azzurri 'pendono' maggiormente sul lato sinistro dove agisce Valente, migliore in campo degli uomini di Baldini nel match di andata. L'equilibrio si rompe al 20' quando una giocata pazzesca di Moscardelli fa letteralmente saltare in aria l'Arena Garibaldi. Il cpaitano difende palla nel cerchio della metà campo, salta secchi due avversari, si porta la palla sul destro e spedisce un missile nell'angolo alla sinistra di Mazzini: 1-0 Pisa.

La Carrarese non si perde d'animo e risponde immediatamente con una bella combinazione al limite dell'area nerazzurra fra Maccarone e Cardoselli: 'Big Mac' lancia alle sue spalle il numero 21, che da pochi passi fulmina sotto la traversa Gori. Tutto in parità: 1-1. La controreazione dei nerazzurri è ottimale: la squadra di D'Angelo non alza il piede dall'acceleratore, non si lascia spaventare e schiaccia gli apuani guidati da un Gucher sontuoso in mezzo al campo, bravissimo a tenere altissima l'intensità della pressione del Pisa. La gestione dei falli e dei contatti da parte di Marchetti scontenta non poco i padroni di casa, colpiti sugli sviluppi di una rimessa laterale invertita: il fallo era a favore del Pisa, invece l'arbitro lo ha assegnato alla Carrarese. Il primo tempo si chiude con il gol annullato a Masucci, pronto a ribadire in rete la corta respinta di Mazzini sul destro da lontano di Di Quinzio: secondo il guardalinee l'attaccante nerazzurro è partito in fuorigioco.

Il secondo si apre con il Pisa ancora padrone del campo: i nerazzurri al 51' si ritrovano davanti al portiere della Carrarese, ma Lisi sciupa tutto. Sul rilancio di Gori c'è Masucci sulla trequarti che anticipa Ricci e spizza per Lisi partito alle sue spalle. Il numero 23 è tutto solo davanti a Mazzini ma sceglie la potenza invece della precisione: la palla muore fra le braccia dell'estremo difensore azzurro. Altra clamorosa occasione per il Pisa quattro minuti dopo, quando lo schema si ripete, stavolta con Moscardelli che costringe la retroguardia ospite ad un rinvio corto: dal limite Masucci calcia all'angolino ma la palla esce per pochi centimetri. All'ora di gioco mister Baldini mette in campo forze fresche in attacco, inserendo Tavano e Caccavallo per uno schieramento a completa trazione anteriore: cinque punte.

Ma c'è una sola squadra in campo in questa prima parte della ripresa ed è il Pisa. I nerazzurri iniziano ad avere degli spazi ampi alle spalle della linea difensiva azzurra, che al 73' fallisce la trappola del fuorigioco spalancando l'area di rigore all'incursione di Di Quinzio. Il numero 10, da destra, non calcia ma serve generosamente Pesenti appostato sul secondo palo: la palla schizza sul prato umido dell'Arena, passa fra il piede dell'attaccante e il palo e si spegne clamorosamente sul fondo. Però i nerazzurri annusano l'odore della preda stordita e affondano le zanne nella giugulare del match al 76' con la bordata di Gucher dai 25 metri. L'austriaco strappa la palla a Caccavallo, se la porta sul destro e fulmina Mazzini sulla destra. 2-1 per il Pisa. La gara adesso è saldamente in mano ai nerazzurr, che si distendono in contropiede ancora all'80': Minesso serve Pesenti, diagonale potente, Mazzini ci mette i pugni.

La Carrarese stavolta ha accusato il colpo e fatica anche a completare i passaggi più semplici. Gli azzurri sono collassati quasi completamente al limite della loro area di rigore, con la linea difensiva completamente slegata rispetto ai cinque attaccanti in campo. L'Arena Garibaldi capisce che il match sta vivendo il suo momento decisivo e si stringe ancor di più intorno agli uomini di D'Angelo: l'incitamento della Curva Nord è trascinante, i giocatori in campo non mollano di un centimetro impedendo agli azzurri, di fatto, di mettere piede negli ultimi 16 metri nerazzurri. Fioccano addirittura le occasioni per il tris del Pisa: ancora Gucher dal limite, emulato da Di Quinzio (stavolta Mazzini si supera), poi il numero 10 smarca nell'area piccola Pesenti e Marconi che si pestano i piedi e non calciano a rete.

Il tabellino

Pisa - Carrarese 2-1

Pisa (4-3-1-2): Gori; Birindelli, Benedetti, De Vitis, Lisi; Di Quinzio (90' Izzillo), Gucher, Marin; Minesso; Moscardelli (66' Pesenti), Masucci (86' Marconi). All. D'Angelo

Carrarese (4-2-3-1): Mazzini; Karkalis, L. Ricci, Murolo, Latte Lath (74' Carissoni); Rosaia, Varone (62' Tavano); Valente (69' Bentivegna), Piscopo (46' Biasci), Cardoselli; Maccarone (62' Caccavallo). All. Baldini

Reti: 20' Moscardelli (P), 27' Cardoselli (C), 76' Gucher (P)

Ammoniti: Latte Lath (C), Varone (C), Minesso (P), Marin (P), Kucich (P)

Note: arbitro Matteo Marchetti; angoli 8-0 (2-0); recupero 0' e 5'

Potrebbe interessarti

  • Incubo sveglia? 6 trucchi per diventare persone mattiniere

  • Lavastoviglie pulita e profumata: ecco i nostri consigli

  • Formiche in casa: i rimedi per allontanarle

  • Realmente i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

I più letti della settimana

  • Si sente male mentre passeggia in spiaggia: anziana turista trovata morta

  • Autostrada A4, camper tampona un tir: morto 42enne pisano

  • A Cascina inaugurato il punto vendita Bricofer

  • Taglio del nastro per il nuovo supermercato Lidl di Pisa

  • Scontro auto-camion sull'Arnaccio: conducente incastrato nell'abitacolo

  • Offerte di lavoro: bando per graduatoria alla Geofor, anche per tempo indeterminato

Torna su
PisaToday è in caricamento