Pisa - Pro Patria 0-2 | Nerazzurri spenti e con poche idee: con la Pro Patria arriva la prima sconfitta casalinga

Partita molto tattica nel primo tempo, sbloccata dal rigore ospite alla mezz'ora. Nella ripresa Mora con un gol di pregevole fattura affossa definitivamente il Pisa, che interrompe così la serie di vittorie consecutive

Le due squadre all'ingresso in campo - Foto Pisatoday/A. Martino

Si interrompe con la Pro Patria la serie di vittorie consecutive del Pisa, che incappa nella prima sconfitta interna stagionale e resta anche a secco nel tabellino. Una gara interpretata meglio dagli avversari bustocchi, bravi a costruire la loro vittoria sull'episodio del calcio di rigore trovato casualmente nel primo tempo. Dopo il penalty trasformato da Santana la gara si è fatta terribilmente in salita per i nerazzurri, che non sono mai riusciti ad entrare in ritmo e sviluppare il gioco sugli esterni visto nelle ultime tre gare. Gli uomini di mister D'Angelo non riescono a mostrare una reazione apprezzabile ed salutano l'Arena Garibaldi nel 2018 con una sconfitta meritata.

E' una partita 'sporca' e anche parecchio bruttina quella che si vede all'Arena Garibaldi nei primi 45' di gioco. La Pro Patria è ben messa in campo e riesce a mettere in difficoltà il Pisa giocando sopra al ritmo della squadra di D'Angelo: i nerazzurri sono ben imbrigliati sugli esterni e gli avversari intercettando i passaggi della mediana del Pisa si lanciano in ripartenza. Di occasioni però non ce ne sono fino all'episodio che sblocca il parziale. Al 28' Zammarini tocca con il braccio l'incornata di Battistini dentro alla propria area di rigore, provocando così il penalty per gli ospiti. Dal dischetto Santana è freddissimo e supera Gori, nonostante l'estremo difensore nerazzurro riesca ad intuire la direzione del tiro avversario. Nel quarto d'ora che porta all'intervallo il Pisa prova ad aumentare i giri del suo motore, ma incontra ancora delle difficoltà nella creazione delle occasioni. Nel secondo tempo ci si aspetta un Pisa all'arrembaggio alla ricerca dell'immediato pareggio, e invece arriva la magia di Mora che raddoppia il vantaggio della Pro Patria. L'esterno destro bustocco supera Buschiazzo con un gioco di prestigio e poi insacca con un collo esterno che pesca l'angolo basso alla destra di Gori. I nerazzurri accusano il colpo e, di fatto, non si rendono mai pericolosi dalle parti di Tornaghi in tutta la ripresa. Mister D'Angelo prova a rimescolare le carte e aumentare il peso dell'attacco gettando nella mischia Masucci e Cuppone: il gioco nerazzurro però non prende mai ritmo e il match termina con la Pro Patria in completo controllo.

La partita

Dopo una settimana caratterizzata dalla sfera commerciale, il Pisa Sporting Club si appresta a scendere in campo per l'ultima volta nel 2018 fra le mura amiche. I nerazzurri lo faranno sfoggiando sulle maglie il logo del nuovo partner commerciale Tirrenica Mobilità, che fino al termine della stagione accompagnerà le sorti di Moscardelli e compagni. Decisamente più spinosa la questione dell'ex - per il momento - main sponsor Acqua Tesorino. La società di via Battisti e l'azienda di Montopoli Val d'Arno hanno aperto un contenzioso legale a causa di alcune gravi problematiche nel pagamento insorte nei mesi scorsi. Fino a data da destinarsi quindi il Pisa giocherà senza il logo della sorgente sulle proprie divise.

Gli uomini di D'Angelo arrivano alla sfida con la Pro Patria forti delle tre vittorie consecutive ottenute la scorsa settimana contro Juventus U23, Arzachena e Pontedera, e sono determinati a firmare il poker e consolidare l'attuale quarto posto in classifica. Rispetto al blitz del 'Mannucci', mister D'Angelo cambia interpreti soltanto in difesa: rilancio per Masi e Meroni, che hanno risolto gli acciacchi muscolari che li avevano frenati nella scorsa settimana. Confermato in attacco il tridente che ha firmato quasi tutti i gol segnati dai nerazzurri nelle ultime tre uscite: Moscardelli, Marconi e Di Quinzio. La Pro Patria scende in campo con il consueto 3-5-2: in attacco Javorcic sceglie Mastroianni e Santana, con l'esperienza di Fietta in mezzo al campo a dirigere il gioco.

Le prime fasi del match sono caratterizzate dall'attenzione e la cura delle posizioni: sia il Pisa che la Pro Patria prediligono mantenere il possesso della palla senza correre rischi scoprendo il fianco al contrattacco avversario. I padroni di casa ci mettono più intensità nella pressione, mentre gli ospiti si esibiscono in una fitta trama di passaggi corti. Sugli esterni Lisi e Di Quinzio cercano con insistenza il 'ricciolo' a rientrare dentro al campo per lasciare lo spazio agli inserimenti di Di Quinzio a sinistra e De Vitis a destra. La prima emozione la regala però Masi, che al 19' tarda i tempi di uscita della palla e la perde sulla pressing di Mastroianni. Santana ne approfitta e viene abbattuto proprio dal numero 6, che rimedia il primo giallo del pomeriggio. La prima manovra ben construita del Pisa arriva al 25' quando Gucher e Di Quinzio puliscono un buon pallone in mezzo al campo e sprigionano la corsa di Lisi sulla sinistra. Il cross del numero 11 trova Zammarini dalla parte opposta, che di prima intenzione appoggia dietro per l'accorrente De Vitis: il centrocampista tenta la botta al volo, ma la conclusione si perde altissima sopra la traversa.

Al 28' però si affaccia con convinzione la Pro Patria nella metà campo nerazzurra e conquista un penalty per fallo di mano di Zammarini. Battistini corregge verso la porta un corner: il numero cinque nerazzurro tocca la palla con la mano e per Cascone non ci sono dubbi. Dal dischetto va Santana che angola tantissimo: Gori intuisce ma non intercetta, e la Pro Patria al 29' è in vantaggio. Gli uomini di D'Angelo accusano il colpo e ne approfitta la Pro Patria, che aumenta se possibile la sua voglia di andare a pressare la manovra nerazzurra. Gucher e Moscardelli provano ad aumentare i giri del motore, ma molti suggerimenti sono preda dell'intercetto avversario. Lisi e Zammarini faticano ad entrare in ritmo e ne risente il gioco del Pisa, che non riesce a sprigionarsi sugli esterni.

Il secondo tempo si apre con una doccia fredda per l'intera Arena Garibaldi. Mora irride con un gioco di prestigio Buschiazzo, entra in area  e di collo esterno spedisce la palla all'angolino basso alla destra di Gori: traiettoria imprendibile, al 49' è 0-2. Mister D'Angelo corre subito ai ripari e opera un triplo cambio, passando ad una difesa a quattro: sugli esterni Lisi e Birindelli con Masi e Meroni centrali. In attacco viene richiamato Marconi, e Masucci e Cuppone agiscono ai lati di Moscardelli. La manovra nerazzurra però non decolla e il Pisa fa una fatica enorme ad entrare con pericolosità nell'area bustocca. Per vedere la prima azione degna di nota dei padroni di casa si deve arrivare al 79', quando Birindelli allarga a destra per Cuppone: il cross del numero 11 pesca a centro area Masucci, che si avvita ma di testa non inquadra la porta. Nonostante i molti elementi offensivi in campo il Pisa non riesce a muovere con velocità la palla, facilitando il compito difensivo alla Pro Patria che copre senza grossi affanni gli ultimi sedici metri di campo. 

Il tabellino

Pisa - Pro Patria 0-2

Pisa (3-4-2-1): Gori; Meroni, Masi, Buschiazzo (53' Birindelli); Lisi, De Vitis, Gucher (62' Marin), Zammarini (53' Cuppone); Di Quinzio, Moscardelli; Marconi (53' Masucci). All. D'Angelo

Pro Patria (3-5-2): Tornaghi; Battistini, Zaro, Boffelli; Mora, Fietta, Bertoni (73' Gazo), Ghioldi (63' Pedone), Sanè (46' Galli); Santana (86' Lombardoni), Mastroianni (73' Gucci). All. Javorcic

Reti: 29' Santana (PP) rig., 49' Mora (PP)

Ammoniti: Masi (P), De Vitis (P), Bertoni (PP), Buschiazzo (P), Lisi (P), Marin (P), Tornaghi (PP), Boffelli (PP)

Note: arbitro Mario Cascone; angoli 8-5 (2-1); recupero 3' e 4'

Potrebbe interessarti

  • Incubo sveglia? 6 trucchi per diventare persone mattiniere

  • Lavastoviglie pulita e profumata: ecco i nostri consigli

  • Formiche in casa: i rimedi per allontanarle

  • Realmente i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

I più letti della settimana

  • Si sente male mentre passeggia in spiaggia: anziana turista trovata morta

  • Autostrada A4, camper tampona un tir: morto 42enne pisano

  • A Cascina inaugurato il punto vendita Bricofer

  • Taglio del nastro per il nuovo supermercato Lidl di Pisa

  • Scontro auto-camion sull'Arnaccio: conducente incastrato nell'abitacolo

  • Offerte di lavoro: bando per graduatoria alla Geofor, anche per tempo indeterminato

Torna su
PisaToday è in caricamento