Pontedera - Pisa 2-2 | Derby-spettacolo: nerazzurri riacciuffati due volte dai granata

Il Pisa va in vantaggio nel primo tempo (Arma) e a 5' dalla fine (Mannini), ma il Pontedera lo riacciuffa prima con Picone e allo scadere con Gonnelli. Pareggio giusto in una gara condizionata dal vento. Tutto esaurito allo stadio. Gli ultras nerazzurri ricordano Maurizio Alberti a 15 anni dalla scomparsa e i pontederesi esprimono solidarietà agli alluvionati di Ponsacco

Lo striscione dedicato a Maurizio Alberti

Esce il segno X dal derby della provincia. Sicuramente quello più giusto: Pontedera e Pisa hanno giocato praticamente un tempo a testa. Monologo dei nerazzurri nel primo tempo, riscossa granata nella ripresa. Ma alla fine i rimpianti sono tutti per Favasuli e compagni, che non riescono a difendere il doppio vantaggio e vedono sfumare il blitz al 90’. Il gol del livornese Lorenzo Gonnelli salva il Pontedera, che resta imbattuto contro i nerazzurri (all’andata finì 2-1) e mantiene l’ottavo posto.

LA PARTITA. Indiani sceglie Verruschi a fianco di Vettori e Gonnelli in difesa e avanza Pezzi sulla fascia in marcatura su Mannini. Picone vince il ballottaggio con Pera e fa coppia con Arrighini in attacco. Tutto confermato nel Pisa, dove Cozza non rischia Crescenzi dal 1’ e vara la difesa a 4 con Pellegrini, Goldaniga, Kosnic e Sabato. Il forte vento di libeccio condiziona il gioco delle due squadre, che faticano a manovrare e si affidano agli spunti individuali. Come quello di Arrighini per i granata, che all’8’ conclude di poco a lato un’azione personale. Nel Pisa il vero uomo in più è Mannini, che sulla fascia destra semina il panico e dopo 13’ finisce a terra in area e chiede un rigore dopo un contatto con Verruschi. L’arbitro fa proseguire e dopo una manciata di minuti dice di nuovo no ai nerazzurri, che reclamano per un altro intervento di Verruschi su Parfait. Stavolta il rigore sembra più netto, ma il gioco prosegue e il Pisa cresce col passare dei minuti. Le azioni più pericolose arrivano dalla fascia destra, dove piovono i cross per Arma che non riesce a finalizzare. Al 28’ ci prova Parfait con il destro al volo sugli sviluppi di un corner. La partita si sblocca al 32’, quando al terzo episodio dubbio l’arbitro concede il rigore al Pisa per una trattenuta di Pezzi su Mannini che sembra cominciare fuori dall’area. Dal dischetto Arma regala il vantaggio ai nerazzurri, che controllano fino al 45’ senza rischiare niente.

>>> IL VIDEO <<<

Nella ripresa Indiani mette dentro Pastore per Verruschi e abbassa Pezzi in difesa. Il Pontedera ritrova idee e lucidità, il Pisa si abbassa e prova a sfruttare la rapidità di Napoli e Mannini per ripartire. Ma il cambio di campo rivitalizza i granata, che sfiorano il pareggio al 55’ con una sventola di Arrighini che Provedel alza miracolosamente in angolo. Ma l’1-1 è nell’aria e al 58’ lo realizza Picone, che all’altezza del dischetto mette dentro l’assist di Arrighini. Grazie al gol il Pontedera entra definitivamente in partita e mette paura al Pisa, che non ha la brillantezza del primo tempo e si affida soprattutto all’estro di Mannini, che al 64’ segna di tacco sugli sviluppi di un corner, ma il guardalinee segnala il fuorigioco. Partita incandescente con continui ribaltamenti di fronte fino ai minuti finali. Le squadre si allungano e ne guadagna lo spettacolo. Al 76’ Arma viene anticipato due volte da Gonnelli sui cross di Mannini e Cia. E all’ 86’ il Pisa sente la vittoria in tasca quando ritrova il vantaggio firmato da Mannini, che mette dentro di testa da calcio d’angolo. Il Pontedera protesta per un fallo sul portiere Ricci. Ma dopo il momento di sconforto si riversa in avanti e ritrova il pareggio sul suono del gong. Sull’angolo calciato da Caponi irrompe Gonnelli, che segna il primo gol in Lega Pro e fissa il 2-2.

>>> LE PAGELLE <<<

TIFO. Spettacolo in campo e sugli spalti. La gradinata era riservata ai tifosi del Pisa, che hanno ricordato Maurizio Alberti a 15 anni dalla scomparsa con lo striscione '15 anni vissuti nel tuo ricordo, Mau ovunque'. Anche i pontederesi ricordano il tifoso nerazzurro con un mazzo di fiori depositato sotto la gradinata e uno striscione 'Maurizio per sempre nel cuore degli ultras'. Il tifo granata mette anche da parte la rivalità, per un abbraccio metaforico ai cugini di Ponsacco colpiti dall’alluvione, con lo striscione 'Solidarietà agli alluvionati di Ponsacco' firmato Ugp.

IL TABELLINO

PONTEDERA-PISA 2-2

PONTEDERA (3-5-2): Ricci 5.5; Gonnelli 7.5, Vettori 6.5, Verruschi 5 (46’ Pastore 6); Regoli 6, Bartolomei 6 (82’ Di Noia sv), Caponi 6.5, Settembrini 6, Pezzi 5.5; Arrighini 7, Picone 6.5. A disp.: Addario, Romiti, Galli, Spada, Pera. All.: Paolo Indiani.
PISA (4-3-3): Provedel 7; Pellegrini 6.5, Goldaniga 7, Kosnic 5.5, Sabato 5.5; Parfait 6.5, Mingazzini 6 (59’ Sampietro 5.5), Favasuli 6 (84’ Forte sv); Mannini 7.5, Arma 6.5, Napoli 6. A disp.: Pugliesi, Crescenzi, Martella, Giovinco. All.: Francesco Cozza.
ARBITRO: Juan Luca Sacchi di Macerata
RETI: 32’ rig. Arma, 58’ Picone, 86’ Mannini, 89’ Gonnelli.
NOTE: ammoniti: Pezzi, Vettori, Pastore, Kosnic, Sabato, Mannini. Angoli: 5-9. Recupero: 1’ + 2.’         

Segui la tua squadra in diretta streaming su DAZN.
Il primo mese è GRATIS!

Potrebbe interessarti

  • Incubo sveglia? 6 trucchi per diventare persone mattiniere

  • Lavastoviglie pulita e profumata: ecco i nostri consigli

  • Formiche in casa: i rimedi per allontanarle

  • Realmente i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

I più letti della settimana

  • Si sente male mentre passeggia in spiaggia: anziana turista trovata morta

  • Autostrada A4, camper tampona un tir: morto 42enne pisano

  • A Cascina inaugurato il punto vendita Bricofer

  • Taglio del nastro per il nuovo supermercato Lidl di Pisa

  • Scontro auto-camion sull'Arnaccio: conducente incastrato nell'abitacolo

  • Offerte di lavoro: bando per graduatoria alla Geofor, anche per tempo indeterminato

Torna su
PisaToday è in caricamento