Rugby serie C: il Cus Pisa chiude con una vittoria il girone di andata

Il campionato si ferma per due settimane, prossimo appuntamento è atteso per il 16 febbraio contro il Sesto Rugby

Ottima prova di carattere per il Cus Pisa Rugby che fa risultato pieno ospitando gli avversari del Città di Castello Rugby. Gli umbri partono forte e si portano subito in vantaggio, mostrandosi prestanti e organizzati. Alla squadra del Cherubino serve metà del primo tempo per ricompattarsi in mischia e ribaltare il rapporto di forza iniziando a dominare le fasi di possesso e agguantare il risultato segnando tre mete ed arrivando al giro di boa conducendo il match 19-12. Nel secondo tempo i cambi effettuati da mister Risaliti immettono aria fresca nei polmoni dei cussini sia nel reparto di mischia con Bonaretti e Chiarugi e sia a largo con Brilli, rendendo la squadra pisana reattiva e cinica, capace di segnare altre due marcature pesanti sfruttando anche la superiorità numerica venuta a crearsi. Risultato finale 31-19.
Marcature: Vita, Pellegrini, Cruschelli (meta tecnica), Incarbone, Sperti.

I pisani chiudono il girone di andata con una vittoria casalinga contro una squadra di alta classifica: un successo che fa ben sperare la formazione cussina, convinta di poter affrontare al meglio il lungo girone di ritorno e di potersi togliere delle soddisfazioni importanti. Il campionato si ferma per due settimane per dare spazio agli impegni della Nazionale nel Torneo 6 Nazioni.
Il prossimo appuntamento è atteso per il 16 febbraio sul campo 'Valerio Scacciati' di Pisa per la prima giornata di ritorno contro il temuto Sesto Rugby.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: a Cisanello diversi casi in valutazione

  • Cisanello, tragico tamponamento tra auto: neonato perde la vita

  • Lungarno Pacinotti: cede la paratia e precipita dalle spallette

  • Coronavirus: negativi i test effettuati

  • Prenotazione Cup, servizio sospeso su tutto il territorio

  • Liceo Galilei di Pisa: studenti denunciano offese ricevute dai professori

Torna su
PisaToday è in caricamento