Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, studenti a caccia di fake news: il decalogo per riconoscere le 'bufale'

Studenti dei tre atenei pisani in campo per rallentare la diffusione di notizie false

 

Chi condivide sui social media, e in ogni altra forma, notizie false, fuorvianti o non verificate, rende più difficile la lotta alla diffusione del Covid-19. Per questo motivo, il team #stopcodiv19, composto da 25 studentesse e studenti di Medicina e Biotecnologie dei tre atenei di Pisa (Università di Pisa, Scuola Superiore Sant’Anna, Scuola Normale Superiore) continua la caccia alle fake news, realizzando adesso un nuovo video-decalogo con le istruzioni per riconoscere le notizie false. Il gruppo ha anche aperto canali per raccogliere e diffondere materiale proveniente da fonti ministeriali e organizzazioni internazionali.

"In queste ultime settimane - spiega in una nota la Scuola Sant'Anna - da quando la pandemia è oggetto del pensiero quotidiano, si verifica un fenomeno del tutto particolare. Ogni contenuto e ogni messaggio veicolati attraverso i canali di comunicazione di massa sono polarizzati su un argomento, il virus, sul quale circolano tante informazioni false, inesatte o fuorvianti, che spingono chi vi si imbatte ad adottare comportamenti irrazionali o, peggio, dannosi per il singolo e la comunità  Il team di divulgazione #stopcovid19, costituito da studentesse e studenti dei tre atenei pisani lavora senza sosta per individuare le 'bufale', smontarle e restituirle a chi le ha segnalate sotto forma di immagini e video esplicativi".

Il messaggio del team è chiaro. "Come singoli, non è possibile arginare questo fenomeno. C’è bisogno di un contributo corale, per imparare a riconoscere da subito una sospetta bufala e bloccarne la diffusione, proprio come si blocca quella del virus stando in quarantena. Prima di condividere una notizia sui social, riflettere e verificare la fonte è l’unico modo per rallentare la corsa di una ‘bufala’. Ecco perché abbiamo preparato questo video, che invita a fare attenzione ai contenuti che si ricevono attraverso i social media e a segnalarli qualora siano fuorvianti".

Il gruppo ha aperto un canale Telegram pubblico (#stopcovid19), un sito internet (https://stopcovid19.neocities.org/index.html) e un Google Drive (https://urly.it/353cw ) aggiornati ogni giorno con il materiale prodotto. Tutte le immagini e i video resi disponibili su tali piattaforme sono liberi da copyright e possono essere scaricati e pubblicati. L’appello lanciato dagli studenti è visualizzare, imparare e, possibilmente, condividere, contribuendo così alla lotta al Covid-19.

Potrebbe Interessarti

Torna su
PisaToday è in caricamento