Attualità

Attraversamenti pedonali luminosi a Pisa: unanimi consensi fra i consiglieri comunali

Si discute se e su quali strade installare i presidi di sicurezza per evitare incidenti stradali: nel 2016 nella sola provincia di Pisa 176 pedoni feriti, di cui 16 bambini e ragazzi

Empoli, Pescaglia, Montopoli, Castelfranco di Sotto, Peccioli e molti altri comuni hanno installato sul proprio territorio alcuni attraversamenti pedonali luminosi lungo i tratti stradali più pericolosi, per aiutare a scongiurare pericoli dovuti al non rispetto dei limiti di velocità. A Pisa è un provvedimento possibile? Ne discutono alcuni consiglieri comunali. 

"Sui passaggi pedonali - ha affermato il consigliere Alessandro Tolaini (M5S) - avvengono il maggior numero di incidenti, in quanto, sulle strisce il pedone si sente 'sicuro', ritenendole uno spazio a lui dedicato e questo lo induce così ad un sensibile calo dell'attenzione nei confronti dei veicoli in transito. La realizzazione degli attraversamenti pedonali luminosi, i cosiddetti APL, sono diventati una necessità anche per Pisa. Il livello di illuminazione sull'attraversamento pedonale passa dal 40% (stand-by) al 100% grazie all'intelligent dimming e viene azionato il lampeggio dei proiettori a LED di segnalazione. Gli APL possono essere collegati alla rete elettrica pubblica oppure funzionare in maniera autonoma, con pannelli solari e si attivano con sensori di presenza oppure con pulsante. Dove intervenire? Sarebbe necessario innanzitutto attivare una campagna di ascolto con i residenti-utilizzatori dei vari quartieri al fine di 'intercettare' i bisogni reali. Sicuramente le strade da prendere in considerazione sono quelle con maggior traffico e con flussi di attraversamento importanti come, e solo ad esempio, Lungarno Buozzi, via Garibaldi, via Bonanno Pisano, via Contessa Matilde, via Matteucci, via San Pio da Pietralcina, via Ugo Rindi, via XIV Maggio e via Fiorentina. Sarebbe anche utile pensare di intervenire per consentire l'aumento del 'campo visivo' di pedoni e conducenti di autovetture andando ad intervenire sullo spazio di ingresso all'attraversamento pedonale, di solito ricavato tra due posti auto. L'ideale sarebbe aumentare tale spazio di ingresso togliendo un ulteriore posto auto nella direzione di marcia".

"Gli attraversamenti pedonali luminosi - ha aggiunto il consigliere Marco Biondi (PD) - credo siano una buona pratica in quanto aumentano la sicurezza dei pedoni mediante una migliore illuminazione del passaggio sulle strisce e contemporaneamente inducono i conducenti a rallentare. Un'elevata percentuale di incidenti che coinvolgono i pedoni avviene proprio durante le ore notturne. Inoltre possono essere installati sistemi interattivi che modificano il livello di illuminazione sull'attraversamento a seconda del momento in cui passa il pedone. Secondo i dati Istat a morire sulle strade sono soprattutto i pedoni, nel 2017 le vittime sono state 600 con un incremento del 5,3 rispetto all'anno precedente e 168 sono stati investiti sulle strisce. A Pisa potrebbero essere messi lungo via Cisanello, in piazza Guerrazzi e in piazza Toniolo".

"Sicuramente - ha detto Riccardo Buscemi, capogruppo in Consiglio Comunale di Forza Italia - la segnalazione luminosa degli attraversamenti luminosi è utile: nel Regno Unito da decenni essi sono segnalati con paline lampeggianti arancioni. A mio avviso anche le rotonde dovrebbero essere segnalate: ricordo un mio Ordine del Giorno, di alcuni anni fa, che lo proponeva, ma fu bocciato su input della Giunta di allora. Penso che i punti più nevralgici siano le strade urbane a doppia corsia di Cisanello Pisanova o sui tratti urbani dell'Aurelia. Tuttavia un tema di questo genere non può che essere affrontato e pianificato nella Commissione consiliare competente".

"A Pisa - ha detto il consigliere Maurizio Nerini capo gruppo di Nap-FdI -  è già partito l'uso dei passaggi pedonali illuminati in varie parti della città, esempio quello a Pisanova, e in molti progetti che abbiamo visto in 1°CCP sono stati illustrati i disegni, i rendering dei progetti anche in fase di gara, come quello del rifacimento di Piazza Giusti dove è previsto l'utilizzo dei passaggi pedonali rialzati appunto. Questo va tutto a vantaggio della sicurezza sia per il fatto  i corpi illuminanti che vengono 'annegati' nella struttura degli attraversamenti i rialzati che per il fatto che davvero la luce dal basso illumina chi attraversa la strada, ma è anche un punto a favore della riqualificazione delle nostre strade e piazze oltre ad essere anche un elemento di accrescimento architettonico. Quindi è auspicale che ci sia un'introduzione massiccia nella città soprattutto nelel zone dove resta alta la velocità dei veicoli e magari ci sono grandi zone d'ombra, penso a via Contessa Matilde, viale Bonaini , viale Giovanni Pisano via XXIV Maggio e tanti degli incroci di Porta a Lucca".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attraversamenti pedonali luminosi a Pisa: unanimi consensi fra i consiglieri comunali

PisaToday è in caricamento