Attualità

Nasce il "legal coaching": competenze psicologiche, di mediazione e soluzione dei conflitti accanto all'avvocato tradizionale. l'approccio innovativo dello studio legale sabina bargagna di pisa

La società moderna vive il conflitto come un evento patologico e in ambito legale questo implica troppo spesso una soluzione giudiziale che invece potrebbe essere evitata. I lunghi tempi dell’ordinamento giudiziario italiano, d’altra parte, rendono difficoltosa qualsiasi tutela del diritto leso, a fronte di tempi biblici e costi ingenti. Il legal coaching e la figura dell’avvocato 4.0 che lo esercita possono essere la soluzione.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

(10-06-2021) Competenze tecniche legate al mondo prettamente giuridico ma anche psicologiche, di mediazione familiare, di gestione dei conflitti. Una figura decisamente più complessa e articolata rispetto al "tradizionale" avvocato quella introdotta dallo Studio legale Sabina Bargagna di Pisa. Un approccio innovativo in ambito giuridico che ruota attorno al concetto di mediazione e che si inserisce perfettamente nel contesto giuridico italiano che, letteralmente congestionato dal punto di vista burocratico, sta investendo nella conciliazione per snellire i tempi della giustizia. La figura del legal coach trova spazio in differenti ambiti, è fondamentale nel diritto di famiglia che - tradizionalmente - si concentra sulla protezione della sfera psicologica e delle emozioni della coppia e dei figli. È importante sottolineare che il legal coach unisce competenze tecniche legate al mondo prettamente giuridico, a quelle psicologiche e di mediazione familiare: grazie a queste abilità è possibile evitare di arrivare nelle aule di tribunale e gestire la separazione senza le pesanti ripercussioni psicologiche tipiche delle separazioni giudiziali. Il Legal Coach è altresì prezioso in azienda per imprenditori che cercano strategie legali preventive, per affiancamenti temporanei volti a un’impostazione snella e sicura della contrattualistica e soprattutto per chi gestisce attività e-commerce (in questo tipo di attività è stato rilevato che la maggior parte dei siti non sono in regola con la privacy e le condizioni generali di vendita). Infine ma non in ultimo il Legal Coach è un valido supporto in tutti i tipi di controversia (vedi successioni, edilizia, liti con i vicini, ecc per chi è interessato a risolverli fuori del tribunale con tecniche alternative(A.D.R.-Alternative Dispute Resolution). "Non si vuole mandare in pensione l'avvocato classico ma sperimentare un approccio diverso alla professione forense, stravolgere l'idea comune di avvocato - ha spiegato l'avvocato Sabina Bargagna- si affrontano finalmente le questioni legali in una ottica di "problem solving a 360 gradi" visto che non va dimenticato che dietro un problema giuridico c'è sempre un’emozione, un sentimento, una persona che rivendica il proprio diritto, primo fra tutti quello di essere ascoltato. Lavorando su quello che sta nascosto dietro ogni posizione, coadiuvandosi con professionisti come mediatori familiari, psicologi, consulenti, è possibile aiutare le persone a dirigersi verso una soluzione condivisa. Il legal coaching rappresenta proprio questo: affiancare accanto alle competenze legali, altre competenze multidisciplinari complementari per risolvere il problema". Il legal coaching ha come scopo non solo quello di prevenire le cause legali favorendo la mediazione, ma anche di riqualificare la figura dell’avvocato. Il sistema giudiziario italiano ha portato la maggior parte dell’opinione pubblica a concepire la figura all’avvocato come un burocrate al quale rivolgersi in situazioni estremamente gravi o di profondo bisogno e che spesso è il protagonista di cause legali che durano anni, con un enorme dispendio economico. Il legal coaching, invece, si fa portavoce di un avvocato 4.0 che è più avvicinabile al ruolo di un consulente, un consigliere, un assistente: è colui che, saggiamente, indica la direzione giusta, quando la situazione nella quale ci si trova può ancora essere affrontata in maniera conciliante. Il nuovo legale offre il proprio sostegno nei momenti che precedono gli atti importanti della vita personale e, in queste fasi, affianca il suo assistito per superare al meglio le difficoltà. Bisogna tenere presente che la consulenza del legal coach è preferibilmente preventiva con lo scopo di rendere il proprio cliente libero di gestire - dal punto di vista legale - la propria vita quotidiana, familiare e professionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasce il "legal coaching": competenze psicologiche, di mediazione e soluzione dei conflitti accanto all'avvocato tradizionale. l'approccio innovativo dello studio legale sabina bargagna di pisa

PisaToday è in caricamento