Attualità

Il Rotary Club San Miniato ha assegnato le ultime due edizioni del 'Premio alla Professionalità'

L'ambito riconoscimento va alla prof. Laura Baldini, alla dr.ssa Michela Franceschini e al dr. Delio Fiordispina

Tre persone, tre professionisti che hanno fatto del lavoro una missione al servizio dei più fragili, dei giovani e della comunità, sopratutto in un periodo di pandemia contrassegnato da paura e incertezza. Il Rotary Club San Miniato celebra in un unico evento le due edizioni (XX e XXI) del Premio alla Professionalità, che dal 2000 è dedicato alle persone che con il loro impegno e la loro attività costituiscono un esempio al servizio della società civile .

I premiati

Nella festosa cornice dell’Azienda Agricola Agrituristica Cafaggio e alla presenza della maggiori autorità cittadine, il sodalizio ha  assegnato il riconoscimento sospeso l’anno scorso a causa dell’emergenza Covid. In particolare il past president dr.ssa Roberta Salvadori ha consegnato il XX Premio alla Professionalità A.R. 2019-2020 alla prof.ssa Laura Baldini, conosciutissima e apprezzata insegnante da tante generazioni che con lei si sono formati alla vita adulta. Un riconoscimento che, tra le motivazioni, sottolinea "l’aver dedicato la propria vita, con passione, competenza, capacità di ascolto e comprensione, alla formazione culturale, civica ed umana dei giovani allievi instillando in loro il desiderio di conoscenza, le capacità di dialogo costruttivo e di senso critico, necessarie per affrontare con determinazione le sfide future e, quindi, essere apprezzati nel mondo del lavoro e nella società civile".

L’Avv. Silvia Boldrini, attuale Presidente del Rotary Club San Miniato, ha poi consegnato il XXI Premio alla Professionalità A.R. 2020-2021, alla dr.ssa Michela Franceschini, Direttore del Presidio Riabilitativo Casa Verde della Fondazione Stella Maris, e al dr. Delio Fiordispina, già Direttore Rsa Del Campana Guazzesi di San Miniato e Rsa Villa Fiorita di Montaione. Il riconoscimento sottolinea l’impegno che entrambi hanno profuso nelle strutture che hanno diretto, portando innovazione, dedizione e amore alle persone fragili affidate loro, ma soprattutto cono spirito di abnegazione hanno saputo far fronte al pericolo della pandemia.

"Ha prontamente affrontato e gestito in emergenza, con coraggio, professionalità, responsabilità e determinazione, l’invisibile e pericoloso nemico Coronavirus Covid-19, procedendo ad una completa riorganizzazione delle attività, che ha permesso di tutelare in sicurezza la salute dei collaboratori e dei disabili - si legge tra le motivazioni del Premio alla dr.ssa Michela Franceschini - e aver mantenuto durante la pandemia un ottimo clima interno, fortificando la motivazione dei collaboratori, grazie alle particolari doti di pazienza, generosità, abnegazione ed umiltà. Tutta la squadra, con grandi sacrifici personali e familiari, ha dato il meglio di se’ nella consapevolezza che Amare sia andare oltre il dovere".

"Persona di grande cultura ed umanità - si legge tra le motivazioni del Premio al dr. Delio Fiordispina - ha saputo con passione e competenza portare a livello di eccellenza le Rsa da lui dirette applicando metodologie nuove ed originali che gli consentivano di realizzare ambienti confortevoli con il calore vivo della famiglia, con stimoli affettivi ed intellettivi per la salute della mente e del corpo. Qualità & Benessere grazie anche all’inserimento dei 'nonni' nella Comunità locale. Con coraggio, professionalità, senso di responsabilità e determinazione, ha fronteggiato rapidamente e positivamente, l’invisibile e pericoloso nemico del Coronavirus Covid-19, procedendo ad una riorganizzazione delle attività per tutelare in sicurezza la fragile salute degli anziani e quella dei suoi collaboratori".

A tutti loro sono stati consegnati una stele brunita con al centro una medaglia dorata con due mani che contengono una perla, "ovvero un frutto prezioso, sono mani che lavorano" e un diploma con motivazione su pergamena. Nel corso della cerimonia è stato attribuito un ulteriore riconoscimento al Prefetto e socio del Rotary Club San Miniato Marco Sereni e alla sua Azienda Sanser Srl, per il suo aiuto sul fronte dell’emergenza pandemica. A lui è stata consegnata una targa: "Con riconoscenza per l’impegno profuso, il sostegno e l’amore dimostrati, per le persone fragili nel contrastare la pandemia Covid- 19". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Rotary Club San Miniato ha assegnato le ultime due edizioni del 'Premio alla Professionalità'

PisaToday è in caricamento