Coronavirus: i servizi e le cure restano attivi ai Bagni di Pisa

Nella struttura le cure fangoterapiche, la fangobalneoterapia e le inalazioni sono convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale

Bagni di Pisa continua a rimanere a disposizione dei propri ospiti. Nel pieno rispetto delle normative vigenti, con l'ultimo Dpcm entrato in vigore lunedì 26 ottobre, Bagni di Pisa, resort termale di Italian Hospitality Collection a San Giuliano Terme, si conferma luogo sicuro grazie alla presenza dei presidi medici e all’applicazione di rigidi protocolli sanitari. Nella struttura le cure fangoterapiche, la fangobalneoterapia e le inalazioni sono convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale.
Bagni di Pisa, palazzo settecentesco adagiato sulle colline pisane, è aperto al pubblico nella completezza dei suoi servizi e offre l’antica sapienza delle acque termali millenarie nei suoi Bagni di Levante e di Ponente. Il resort ha da poco lanciato un programma innovativo, specifico per ritrovare armonia e benessere in questi mesi difficili: Equilibrium IMMUNO, che si basa su 3 punti di forza, il recupero di un'alimentazione equilibrata, la cura del corpo attraverso l’esercizio fisico e le terapie termali e le tecniche antistress di rilassamento. IMMUNO è un percorso di 7 notti pensato proprio per superare i fattori di rischio e rafforzare il sistema immunitario.

Il resort termale è aperto in totale osservanza delle normative vigenti, in quanto le strutture, oltre ad essere presidi medici sanitari, seguono una serie di protocolli operativi secondo le linee guida OMS, al fine di garantire i più elevati standard di tutela della salute degli ospiti e dello staff:

- La sicurezza dell’acqua delle piscine termali è garantita da un piano di autocontrollo igienico sanitario microbiologico che ne prevede la frequente pulizia e igienizzazione;
- L’igienizzazione del lettino e di tutte le superfici della cabina dopo ogni trattamento è eseguita con una soluzione idroalcolica e perossido, unita all’utilizzo di specifici dispositivi di protezione indossati dai terapisti, per garantire un’esperienza di relax in tutta sicurezza;
- La presenza continuativa di uno staff medico rappresenta un ulteriore elemento di sicurezza per la tutela della salute degli ospiti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Toscana arancione, ma non tutta: ecco le zone che restano rosse

  • Toscana in zona rossa fino al 20 aprile: le misure in vigore

  • Dagli spostamenti alle visite ad amici e parenti: cosa si può fare nelle zone rosse e arancioni fino al 30 aprile

  • Le misure in vigore in zona arancione

  • Coronavirus in Toscana: quasi mille nuovi positivi, in salita i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento