Calli e duroni che dolore! I consigli per gli inestetismi dei piedi

Sandali, ciabatte, flip flop: d'estate i piedi si liberano e si scoprono. I calli e i duroni però possono essere fonte di imbarazzo: ecco i nostri consigli contro questi inestetismi

E' arrivata la stagione in cui i piedi sono sono spesso scoperti, tra spiaggia e sandali; calli e duroni però, possono frenare il desiderio di indossare scarpe aperte. 
Possono metterci in imbarazzo ma anche arrivare a debilitare le attività quotidiane per il dolore che a volte comportano. Un callo, infatti, non è solo una fastidiosa e antiestetica protuberanza che rovina l’aspetto dei piedi, ma è anche un segnale di uno stato di malessere e sofferenza dei piedi, vittime di calzature sbagliate, lavori pesanti o eccessive pressioni sempre nello stesso punto. Si formano per proteggere la pelle quando questa è sottoposta a continue pressioni o sfregamenti, come una sorta di scudo naturale per difendersi da un’aggressione esterna.
Ecco quindi cosa fare per ammorbidire la pelle, ridurre lo spessore di calli e duroni ed alleviare il dolore.

Il pediluvio 

Per ammorbidire i calli, il pediluvio è un passaggio fondamentale.
Immergi i piedi in una bacinella d’acqua tiepida e aggiungi un cucchiaio di bicarbonato di sodio per ammorbidire la pelle e facilitare le fasi successive di trattamento, Attenzione però a non prolungarti troppo, o rischi di non distinguere più la parte callosa da quella normale. Dopo il pediluvio, asciuga delicatamente i piedi tamponando con un telo.
Per un effetto antibatterico e rinfrescante, puoi aggiungere ad acqua e bicarbonato qualche goccia di olio essenziale di menta, arancia o bergamotto, per distendere e rilassare scegli invece lavanda o camomilla.
Infine, per massaggiare i piedi e stimolare la circolazione, prova a mettere alcuni sassi sul fondo della bacinella e appoggiaci le piante dei piedi, esercitando pressioni differenti.

Massaggia i calli con la pietra pomice

La pietra pomice è una roccia di origine vulcanica, molto leggera e porosa e dalle capacità lievemente abrasive, che la rendono ideale per prendersi cura della pelle. Massaggiare delicatamente i calli con una pietra pomice può quindi aiutare a rendere di nuovo morbida e levigata la pelle dei piedi.
Passa la pietra più volte sulla zona indurita, facendola ruotare per garantire un’asportazione uniforme. Inoltre, fai attenzione a concentrarti solo sulle zone callose, evitando di passare la pietra pomice sul resto del piede, per non irritarlo inutilmente.

L’acido salicilico per calli e duroni doloranti

Dopo aver fatto il pediluvio e aver asciugato accuratamente i piedi, metti un liquido callifugo all’acido salicilico, una sostanza che crea una leggera e progressiva esfoliazione sulla pelle, facilitando la rimozione del callo. 
Questi sono prodotti da banco che puoi tranquillamente trovare in farmaci e che, se usati correttamente, permettono di rimuovere il callo con grande facilità nel giro di pochi giorni o al massimo di qualche settimana. 
Per accelerare la guarigione puoi massaggiare il callo con la pietra pomice prima del trattamento. Dopo avere eliminato un callo tieni protetta la pelle viva con un cerotto: si tratta infatti di pelle molto delicata e portata a ferirsi facilmente. Il cerotto serve anche a evitare gli sfregamenti con scarpe e calze che possono portare la zona a infettarsi.
Attenzione ad applicare il prodotto esclusivamente sulle zone callose, senza coinvolgere altre parti, e a possibili allergie.

Prevenire calli e duroni

La migliore strategia contro calli e duroni è quella preventiva. Indossa sempre scarpe comode, né troppo strette né troppo larghe; se compaiono questi disturbi, sostituite immediatamente le scarpe con altre più comode.Cambia spesso modello e livello di tacchi, e a casa opta per ciabattine morbide e basse. Inoltre, cerca di evitare di indossare calze e calzini in tessuti stretti e sintetici e cerca di fare attenzione alla postura quando cammini.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investita dal treno alla stazione di Firenze Rifredi: morta 21enne di Pontedera

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Dà in escandescenze e devasta il ristorante di fronte a clienti e proprietari

  • Cucina: undici ristoranti pisani nella guida 'L'Espresso'

  • Lutto all'Università: è morto il professor Berardo Cori

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

Torna su
PisaToday è in caricamento