I vantaggi dell'allenamento durante la stagione fredda

Il maggiore appetito durante la stagione fredda è una conseguenza e causa dei benefici dell'allenamento durante l'autunno e l'inverno. Scopriamone altri

Sebbene sia risaputo che per costruirsi un fisico perfetto occorre costanza e impegno, quindi allenarsi assiduamente, magari tutto l'anno con le dovute pause, e seguire un'alimentazione sana ed equilibrata, ci sono alcuni periodi dell'anno in cui bruciare le calorie in eccesso diventa più semplice. Ci siamo mai chiesti il motivo per cui in estate mangiamo meno e, invece, il nostro appetito aumenta non appena arriva l'autunno e soprattutto durante la stagione fredda?

La risposta è molto semplice e di natura fisiologica: il nostro corpo brucia e necessita continuamente di energia, anche quando è a riposo. Tale energia, richiesta per tutte le attività della vita quotidiana, deve però essere maggiore durante i periodi freddi, per quale motivo? Durante la stagione fredda l’organismo deve lavorare di più per mantenere stabile la temperatura corporea. Sfruttare questa conoscenza potrebbe essere un ottimo modo per chi è intenzionato a mantenersi o rimettersi in forma perché se, in inverno appunto, bruciamo di più per svolgere normali attività quotidiane, lo stesso avviene quando pratichiamo attività fisica.

Attività fisica all'aperto

Che sia in casa o in palestra, migliori risultati sono garantinti, inoltre, allenarsi in un ambiente al chiuso è certamente più comodo. Ma quando fa molto freddo, e soprattutto se piove, muoversi all’aperto può diventare ancora più gratificante e questo avviene sempre per lo stesso principio base: il corpo, esposto al freddo, dovrà lavorare di più per mantenere la temperatura corporea, e di conseguenza bruciare di più. Quando le temperature sono basse, però, è bene seguire alcuni accorgimenti, indipendentemente dall’attività a cui ci si dedica. Per prima cosa è importante la scelta dell’ora in cui allenarsi: la mattina presto, specie a digiuno, resta sempre l’opzione più valida quando lo scopo è bruciare calorie e dimagrire. Nell’ora di pausa pranzo si può godere della temperatura un po’ più mite e della luce. La sera è ideale quando si vuole soprattutto combattere lo stress della giornata, ma il clima può essere più pungente e le condizioni meno favorevoli. Attenzione quindi all'abbigliamento: copritevi bene e magari utilizzate il cappello, i guanti da running e le calze termiche, perché la maggior parte del calore corporeo si disperde dalla testa, dalle mani e dai piedi.

L'importanza della vitamina D

Indispensabile per mantenere le ossa sane e prevenire l’osteoporosi, per la sintesi della vitamina D è fondamentale l’azione dei raggi solari: durante l’inverno, stagione in cui si sta fuori casa per meno tempo e il sole si fa vedere più raramente, è perciò fondamentale trascorrere più tempo possibile all'aria aperta ed esporsi alla luce solare. Probabilmente vi starete chiedendo cosa c'entri questo per migliorare la nostra forma fisica, ma in realtà salute e forma fisica vanno sempre di pari passo.

Lo studio

Come si legge su Tgcom24, un recente studio scientifico, pubblicato sull'European Journal of Preventive Cardiology, ha sottolineato anche che esiste una connessione tra la vitamina D e la forza fisica. Studiando un campione di 1.995 persone tra i 20 ei 49 anni, gli studiosi hanno scoperto che nei diversi soggetti, a prescindere da età, sesso, indice di massa corporea ed eventuali patologie, chi aveva più alti livelli di vitamina D aveva anche a una migliore capacità di esercizio. Inoltre, gli osteoblasti, ossia le cellule che “costruiscono” le ossa, lavorano con più efficacia sotto l’effetto della forza di gravità e del movimento. L’attività fisica, specie quella aerobica, è dunque un ottimo mezzo che migliorare la salute di ossa, cuore e polmoni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Positivo al Covid si barrica nella stanza dell'ospedale Cisanello

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Coronavirus in Toscana, calano i nuovi positivi: sono 1972

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento