Salute

Aria condizionata a casa e a lavoro: i pro e i contro

D'estate, onestamente, ormai è diventato quasi impossibile sopravvivere senza l'aria condizionata (soprattutto a lavoro). Ma dobbiamo utilizzarla con moderazione

L'aria condizionata è ormai protagonista indiscussa delle estati italiane, sia a casa sia sul posto di lavoro, tanto da diventare un vero 'must' per il benessere collettivo se si tratta di luoghi chiusi, particolarmente affollati o ci si trova nelle grandi città dove l'inquinamento rende l'aria irrespirabile. Il suo utilizzo scriteriato o, comunque, alla leggera, può portare alla lunga a farci incappare in brutti malanni e problemi di salute più o meno gravi. 

Vediamo insieme quali sono i consigli migliori per evitare di correre rischi inutili.

Vantaggi

Indubbiamente il più grande vantaggio di un ambiente climatizzato, che sia la nostra abitazione o l'ufficio, è il fatto di poter equilibrare la temperatura corporea senza subire colpi di calore, limitando un'eccessiva sudorazione che potrebbe portare a una perdita di sali minerali e liquidi con conseguente stato di affaticamento diffuso, fino ad arrivare anche a possibili episodi sincopatici.

Svantaggi

Ci sono anche dei contro, e sono da tenere costantemente d'occhio. Con l'utilizzo aggressivo del condizionatore, si può correre il rischio di creare un ambiente così freddo da non concedere al nostro corpo il tempo di adeguarsi e, quindi, avere delle reazioni di protezione che si manifestano attraverso contratture muscolari, spesso localizzate nella zona cervicale e dorso-lombare e blocchi articolari acuti.

disturbi più comuni, dovuti alla continua e prolungata esposizione diretta al getto di aria fredda o alla mancata pulizia dei filtri del condizionatore, possono essere riscontrati in mal di testa, nausea, contratture muscolari, blocchi articolari acuti, raffreddore e febbre. In particolare, mal di testa, raffreddori e febbre possono presentarsi in quanto la vascolarizzazione della mucosa delle nostre vie respiratorie di fronte allo sbalzo di temperatura diminuisce generando un abbassamento delle nostre difese immunitarie.

Consigli

Per chi si vanta di possedere la formula magica dell'utilizzo del condizionatore in termini di tempo, abbiamo una brutta notizia: non esiste un limite di ore, dal momento che ogni individuo è differente e dovrebbe saper riconoscere i segnali del proprio corpo. E' in ogni caso fortemente consigliato impostare la modalità deumidificatore/dry, soprattutto per chi utilizza il condizionatore durante le ore notturne. Questa garantisce aria fresca e priva di umidità, evitando invece il freddo generato dall'impianto in modalità cool. E' molto importante inoltre asciugare il sudore prima di entrare in ambienti con il condizionatore acceso. Se possibile, non posizionarsi direttamente sotto il getto d'aria e cercare di coprire le parti più esposte. Chiudere le finestre per non disperdere il fresco. Pulire i filtri e, ove possibile, recarsi di tanto in tanto in spazi aperti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aria condizionata a casa e a lavoro: i pro e i contro

PisaToday è in caricamento