rotate-mobile
Mercoledì, 6 Luglio 2022
Salute Cisanello / Via Giuseppe Moruzzi, 1

Successo per le 'Cardiologie Aperte' al San Cataldo: in 150 per 'farsi ascoltare' il cuore

L'iniziativa ha avuto un riscontro oltre le aspettative ed è stato necessario il rinforzo di ulteriori medici ed infermieri per far fronte alle richieste

Successo per l'iniziativa organizzata ieri mattina, 20 febbraio, dalla Fondazione Toscana Monasterio a Pisa: a farla da padrone la voglia di ritorno alla normalità e il pensare che la salute non ruoti soltanto intorno al Covid. Il virus infatti negli ultimi due anni ha allontanato quasi tutti da ogni tipo di problema medico che non fosse strettamente legato alla pandemia. Ieri mattina, invece, l’ospedale San Cataldo-CNR, aderendo alla campagna di prevenzione nazionale 'Cardiologie Aperte', ha aperto le proprie porte accogliendo, gratuitamente e senza prenotazione, la popolazione per uno screening al cuore.

Un vero e proprio successo: la cittadinanza si è riversata in via Moruzzi per far ascoltare il proprio cuore. Per far fronte alle numerose richieste (addirittura superiori alle aspettative), sono stati necessari ulteriori medici e infermieri, che sono accorsi in aiuto dei colleghi: le persone sottoposte a visita sono state, in circa tre ore, appunto circa 150.

"Abbiamo aperto le porte per parlare, con la cittadinanza di cuore e di malattie cardiovascolari - afferma il professor Michele Emdin, direttore dell’Unità Operativa Cardiologia e Medicina Cardiovascolare - la prevenzione è la cura migliore per evitare eventi infausti come l’infarto e l’ictus: siamo a disposizione, sempre e per tutti, per confrontarci sulla buona educazione e su quello che è uno stile di vita sano. Felici ed orgogliosi che la popolazione abbia risposto numerosa".
"Grazie alla cittadinanza e al personale sanitario - conclude Marco Torre, direttore generale della Monasterio - un modo, quello delle 'Cardiologie Aperte', per restituire l’apprezzamento che la cittadinanza ci riserva, affidando la propria salute alle nostre cure. Medici e infermieri sono, poi, una garanzia sulla quale poter fare sempre affidamento: come una famiglia, hanno capito che avevamo bisogno di loro e si sono mobilitati in gran numero, al fine di non lasciare nessuno escluso ieri mattina".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Successo per le 'Cardiologie Aperte' al San Cataldo: in 150 per 'farsi ascoltare' il cuore

PisaToday è in caricamento