CBD per l'acne: il cannabidiolo potrebbe essere una soluzione?

L'acne è un problema che non riguarda soltanto gli adolescenti. Il cannabidiolo potrebbe essere un valido alleato nel contrasto a questo inestetismo: Canzon ci spiega come

L'acne è una condizione che fino a un po' di tempo fa si pensava fosse tipica dell'età adolescenziale. La verità è che, invece, si tratta di un problema che riguarda anche un discreto numero di popolazione adulta.

Aver superato l'età adolescenziale per molti significa dover continuare a combattere con alcuni problemi della cute e fra i più comuni va indicata proprio l'acne. In cosa consiste e da cosa dipende l'acne? Soprattutto ci si chiede spesso se esista un metodo risolutivo che possa migliorare le condizioni della pelle.

Di certo avrai già sentito parlare di prodotti al CBD come possibile soluzione per combattere l'acne. Vediamo più approfonditamente di che si tratta e in che modo trovare prodotti che siano affidabili, attraverso aziende di qualità, come Canzon per citarne una, che dedicano molta attenzione e investono risorse importanti, al fine di offrire prodotti di qualità.

Riguardo all'acne, così come per gli altri problemi relativi alla tua salute, è comunque sempre consigliabile consultare il parere di un medico, per rivolgergli tutte le domande a cui desideri trovare risposta.

Perché l'acne può sopraggiungere anche in età adulta

Prima di capire se i prodotti al CBD possono essere una soluzione per i problemi di acne, è utile conoscere meglio questo fenomeno che si presenta sulla superficie cutanea. Si tratta di una infiammazione delle ghiandole sebacee che si presenta sulla pelle attraverso piccoli rigonfiamenti arrossati, accumuli di grasso o vere e proprie cisti, che originano dai follicoli piliferi.

Oltre ad un aspetto meramente estetico che potrebbe creare disagio, la presenza di acne rivela una disfunzione a livello ormonale e delle ghiandole che si trovano nel derma, ovvero lo strato immediatamente posto sotto alla pelle.

Di solito, in età adolescenziale l'acne si presenta sul naso e sulla fronte, mentre negli adulti può presentarsi sul collo, sulle spalle e nella parte inferiore del viso. Ricorrere a prodotti chimici, derivati da lavorazioni industriali può talvolta rivelarsi una scelta molto drastica e invasiva e non sempre risolutiva.

Optare per i prodotti a base di CBD, può quindi aiutare? Continua a leggere per scoprire tutto quello che dovresti sapere al riguardo.

Affrontare i problemi di acne con prodotti CBD

Il problema dell’infiammazione cutanea va sicuramente affrontato ma non sempre è facile trovare prodotti specifici per acne che siano efficaci per rimediare al problema e allo stesso tempo sicuri per la tua salute.

In commercio si trova veramente di tutto, ma in che modo riconoscere un prodotto valido da uno invece che, a fronte di un costo magari anche molto basso, risulta inefficace per curare l'acne?

Di certo la cura della pelle richiede prodotti non aggressivi, che possano rispettare il PH naturale della pelle e che intervengano sul disturbo, eliminando punti neri e foruncoli, oltre che mantenere i pori della pelle puliti e in grado di traspirare.

In tal senso il CBD potrebbe rappresentare un valido alleato per combattere l'acne e contrastare la produzione di sebo in eccesso.

Sembra infatti che il CBD, prodotto naturale derivato dalla pianta di cannabis, regoli la produzione di sebo e che il suo principio attivo possa intervenire su parte delle ghiandole sebacee ripristinando il loro corretto funzionamento.

In che modo agisce e come il CBD può essere considerato una possibile soluzione per l'acne? Stai per scoprirlo ora.

Il CBD tra i rimedi naturali per contrastare i problemi di acne

Prima di approfondire la conoscenza con il CBD, sostanza organica derivata dalla pianta di cannabis terapeutica, proviamo a capire in che modo potrebbe
essere di supporto nella cura della pelle con presenza di acne.

Molte aziende producono creme e affini per la cura dell’acne, ma non tutte possono assicurare la qualità di tutta la filiera produttiva. Solo alcune, infatti, dedicano parte del loro lavoro alla ricerca, al fine di ottenere prodotti sicuri, affidabili, che non danneggiano la tua salute.

Un prodotto valido per migliorare le condizioni della pelle con acne è, infatti, in grado anche di prevenire tale fenomeno.

Alcuni validi prodotti al CBD, in  particolare, sono realizzati anche con avena colloidale, un binomio che permette di proteggere  la pelle, creando uno strato che - grazie alla tecnologia ai liposomi - riduce la diffusione dell'acne e favorisce l'assorbimento dei nutrienti nell'organismo.

Si tratta di prodotti con una importante percentuale di CBD ma che non contengono THC (tetraidrocannabinolo che spesso provoca effetti collaterali) e per tale ragione non sono nocivi.

Essendo composti da sostanze naturali organiche (CBD, avena, ecc.) sono quindi vegani e non contengono OGM.

In particolare, prendendo in considerazione le creme per l'acne al CBD, è importante sapere che l'azione della tecnologia ai liposomi sia in grado di ridurre l'acne e proteggere la pelle in maniera profonda e duratura.

In tal senso i prodotti per l'acne a base di CBD possono essere presi in considerazione, specialmente quando fenomeni di acne si presentano in età adulta sul viso, sul collo e parte delle spalle.

Va comunque tenuto conto del fatto che ad un ciclo di trattamento con prodotti specifici, sarebbe sempre utile da abbinare un corretto regime alimentare.

A dire il vero, l'alimentazione dovrebbe sempre rispettare i principi base, apportando i giusti nutrienti al nostro organismo. Una dieta povera di proteine e ricca di grassi, di certo non aiuta nel miglioramento dell'acne. Un regime alimentare equilibrato, invece, può fare davvero la differenza. Assumere con regolarità le corrette quantità di carboidrati, proteine e grassi è già molto d’aiuto nel limitare il presentarsi dell'acne e nel prevenirla nel tempo.

Non bisogna mai dimenticare, infine, di bere almeno due litri di acqua ogni giorno, per idratare l'organismo e mantenere la pelle elastica, luminosa e tonica.

In cosa consiste esattamente il CBD e cosa indica questa sigla?

Il CBD, o cannabidiolo, è un cannabinoide che si estrae dalla pianta di canapa e che sembra abbia la capacità di apportare molti benefici al nostro organismo.

Il CBD, infatti, è in grado di comunicare con il sistema endocannabinoide, presente nel corpo umano e, favorendo l'attivazione dei recettori CB1 e CB2 presenti in tale sistema, sia in grado di inviare stimoli al sistema nervoso centrale.

L'apporto di CBD inoltre sembra proprio aiuti a prolungare l’azione dei recettori e mantenere così più a lungo gli effetti benefici sul corpo umano.

La corrispondenza tra CBD e sistema endocannabinoide risulterebbe particolarmente attiva anche come supporto nel miglioramento di alcuni stati o disfunzioni, quali:

  • Infiammazioni
  • Stati di dolori post trauma o cronici
  • Problemi della pelle, tra cui l’acne, la psoriasi
  • Problemi di insonnia
  • Stress
  • Difficoltà di apprendimento e memoria
  • Ecc...

Sembrerebbe proprio che i prodotti al CBD possano contribuendo al recupero del benessere generale.

CBD, acne e dintorni

Difendersi da un disturbo della pelle come l'acne, come hai potuto constatare, è possibile seguendo alcune raccomandazioni e attenendosi ad alcuni principi
basilari.

Innanzitutto dedicare la giusta attenzione all'alimentazione, rispettando l'apporto di nutrienti previsto in base alla tua età, corporatura e condizione di salute generale.

Se tendi a manifestare fenomeni di acne, puoi ricorrere a prodotti naturali, come quelli a base di CBD che sembra possano davvero fare la differenza nel miglioramento della tua pelle.

I prodotti al CBD, che pare siano proprio in grado di rallentare il processo di formazione dell'acne e prevenirla, potrebbero essere utili anche in presenza di molte condizioni, quali infiammazioni di varia natura, dolori di diversa intensità, condizioni di stress cronico o depressione.

Non sottovalutare, in ogni caso, che in presenza di problemi di salute deve essere richiesto il consulto del tuo medico di fiducia, per stabilire un piano di cura adeguato, in base alla tua condizione generale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus e sovraffollamento, nuova ordinanza: positivi inviati in albergo

  • Spiagge di ghiaia a Marina, alga tossica 6 volte oltre i limiti: "Fate attenzione"

  • Scuola, nuovo incontro per la ripartenza: si va verso il prolungamento della didattica a distanza

  • Coronavirus in Toscana, 9 casi in più e zero decessi nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus in Toscana, 9 casi in più: a Pisa giornata da zero nuovi contagi

  • Coronavirus in Toscana: 19 nuovi casi, ultimo paziente in terapia intensiva

Torna su
PisaToday è in caricamento