Coronavirus, disinfettanti e detergenti: come e quanto usarli per l’igiene della casa

Le indicazioni del Ministero della Salute sui prodotti per la disinfezione e detersione che scientificamente hanno dimostrato di essere efficaci contro il virus

Coronavirus, disinfettanti e detergenti: come e quanto usarli per l’igiene della casa

L’igiene personale e domestica è tra le priorità cui prestare attenzione in un periodo in cui è fondamentale scongiurare la propagazione del contagio di Coronavirus. Pulire e arieggiare la casa in cui siamo chiamati a restare nel periodo di isolamento si fa dunque fondamentale, motivo per cui il Ministero della Salute, con il supporto degli esperti dell’Istituto superiore di sanità, ha fornito le indicazioni semplici e pratiche sui prodotti utili per la disinfezione e detersione che scientificamente hanno dimostrato di essere efficaci contro il virus.

Di seguito, i consigli su come utilizzarli e in quale quantità a seconda che si debbano disinfettare le mani, superfici come tavoli, scrivanie, maniglie delle porte o delle finestre, dispositivi come pc, cellulari, tablet, oppure i pavimenti.

Mani e cute

Per disinfettare e detergere le mani ed eliminare il virus eventualmente presente si può utilizzare il lavaggio con acqua e sapone per 40-60 secondi, avendo cura di strofinarle bene e in ogni parte: spazi fra le dita, dorso e palmo, unghie, senza dimenticare il polso, anch'esso generalmente esposto agli agenti esterni. Prima di eseguire il lavaggio è consigliabile rimuovere monili, se presenti. Se non si ha la possibilità di lavare le mani con acqua e sapone si possono utilizzare i disinfettanti a base alcolica, purché abbiano una percentuale di etanolo (alcool etilico) non inferiore al 70%. Prima di utilizzarli, quindi, bisogna leggere l’etichetta per essere certi della loro efficacia.

Superfici e pavimenti

Per disinfettare superfici come tavoli, scrivanie, maniglie delle porte, delle finestre, cellulari, tablet, computer, interruttori della luce, soggette ad essere toccate direttamente e anche da più persone, si possono utilizzare sia disinfettanti a base alcolica, con percentuale di alcool (etanolo/alcool etilico) al 75%, che prodotti a base di cloro (es. l’ipoclorito di sodio, comunemente noto come candeggina o varechina). La percentuale di cloro attivo in grado di eliminare il virus senza provocare irritazioni dell'apparato respiratorio è lo 0,1% in cloro attivo per la maggior parte delle superfici.

Anche per la disinfezione dei pavimenti si possono usare prodotti a base di cloro attivo allo 0,1%: in particolare, prima della detersione, si consiglia di passarli con un panno umidito con acqua e sapone per una prima rimozione dello sporco più superficiale. 

Come diluire i prodotti

Tra i prodotti a base di cloro attivo utili per eliminare il virus c’è la comune candeggina, o varechina, che in commercio si trova al 5-10% di contenuto di cloro. Occorre, quindi, leggere bene l'etichetta del prodotto e poi diluirlo in acqua nella giusta misura. Di seguito, degli esempi. Se utilizziamo un prodotto con cloro al 5% per ottenere la giusta percentuale di 0,1% di cloro attivo bisogna diluirlo cosi:

  • 100 ml di prodotto (al 5%)  in 4900 millilitri di acqua

    oppure

  • 50 ml di prodotto (al 5%) in 2450 millilitri di acqua

Servizi igienici

Per i servizi igienici (gabinetto, doccia, lavandini) la percentuale di cloro attivo che si può utilizzare e' più alta: sale allo 0,5%. Anche in questo caso va letta bene l'etichetta del prodotto prima di diluirlo in acqua per ottenere la giusta proporzione. Di seguito degli esempi.
Se si utilizza un prodotto con cloro al 5% (es: comune candeggina o varechina ) per ottenere la giusta percentuale dello 0,5% di cloro attivo bisogna diluirlo cosi:

  • 1 litro di prodotto in 9 litri di acqua

 oppure

  • 1/2 litro di prodotto in 4,5 litri di acqua

    oppure

  • 100 ml di prodotto in 900 millilitri di acqua

Sia durante che dopo le operazioni di pulizia delle superfici è necessario arieggiare gli ambienti. 

fonte Today.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

Torna su
PisaToday è in caricamento