Salute

Stanchezza primaverile, sintomi e rimedi

Come combattere la spossatezza durante il cambio di stagione

In primavera, a molti di noi, capita di sentirsi stanchi e privi di energie, con un senso di spossatezza e stanchezza continuo. Si tratta del fenomeno noto come "stanchezza primaverile", causato dal mancato adattamento dell'organismo al cambio di stagione e che ci impedisce di mantenere a lungo la concentrazione.

I sintomi della stanchezza primaverile

Sono diversi i sintomi che caratterizzano la stanchezza primaverile, come sbalzi d'umore, aumento della tensione nervosa e disturbi del sonno. Tale fenomeno, che tende a colpire soprattutto chi già si trova a vivere condizioni di stress a causa di problemi personali o impegni professionali, chi è debilitato fisicamente e chi soffre di allergie primaverili o di carenze nutrizionali, può inoltre incidere anche sull'appetito e l'alimentazione.

I rimedi per combattere la stanchezza primaverile

La stanchezza primaverile è un fenomeno per il quale non esistono specifici farmaci. Per alleviarne i sintomi è comunque possibile ricorrere a rimedi naturali e integratori alimentari, come quelli a base di aminoacidi, creatina, carnitina o glutatione, vitamine e sali minerali. Tra i rimedi naturali sono invece particolarmente consigliati ginseng, eleuterococco, guaranà, pappa reale, polline d'api, propoli, miele, lecitina di soia e olio di germe di grano.

Prima di procedere all'assunzione di integratori, tuttavia, è sempre necessario consultare il proprio medico curante.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stanchezza primaverile, sintomi e rimedi

PisaToday è in caricamento