Come riconoscere un bombo e i consigli per la convivenza in giardino

Sono insetti dalle fattezze buffe, e tendenzialmente sono anche innocui per l'uomo. Ecco i consigli per una corretta convivenza

Con la primavera i giardini e i balconi delle nostre case si riempiono di magnifici fiori. Tutto pullula di vita, c'è un via vai di insetti tra cui mosche, moscerini, api e vespe, quest'ultime in particolare, si spostano di fiore in fiore, alla ricerca di polline.

Può capitare di ritrovarsi a tu per tu con queste piccole creature come ad esempio le vespe che amano nidificare in città talvolta nei giardini e balconi delle nostre case. La vespa però non è la sola a voler trovare un angolo sicuro in cui nidificare. Infatti può capitare di imbattersi in in un suo simpatico parente dall'aspetto molto simile a quello dell'ape ma con caratteristiche differenti: stiamo parlando del Bombo.

Caratteristiche

Appartiene alla stessa famiglia dell’ape e il suo nome nome scientifico è Bombus, un genere di insetti appartenenti alla famiglia Apidaee, fondamentale per l'impollinazione. Costruisce colonie che sopravvivono solo una stagione nelle quali vi è una sola regina. Ha un aspetto molto simile a quello dell'ape, un po' più grande goffo e paffuto ricoperto di peluria che lo protegge dal freddo. Molte specie di Bombo le confondiamo con le api perchè hanno le strisce di colore giallo e nero.

Dove nidifica

Il bombo potrebbe nidificare ovunque: ci sono quelli fuori terra, di superficie o sottoterra. I bombi fuori terra di solito preferiscono nidificare in vecchie scatole di uccelli, piccole fessure sugli alberi purchè ci si trovino a diversi metri sopra il terreno. I nidi di superficie si trovano in tronchi, crepe nelle fondazioni di case o in luoghi poco accessibili. I bombi che nidificano sottoterra lo fanno appunto nel terreno di vasi, in giardino o in vecchi tunnel abbandonati di topi o arvicole.

Puntura di Bombo

Il Bombo non è un insetto aggressivo ma potrebbe pungere solo in caso di difesa. Questo insetto non rilascia il suo pungiglione e il suo veleno non è mortale per l'uomo. Tuttavia è sempre meglio controllare e tenere a vista in caso ci fossero strani gonfiori e reazioni, quindi è consigliabile non sottovalutare la loro puntura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le 10 regole per le assemblee condominiali: i consigli dell'Associazione consumatori cittadini italiani

  • Riscaldamento con i pannelli radianti: vantaggi, svantaggi e consigli

  • Macchie di umidità in casa: le probabili cause e i migliori rimedi

  • Liberate il vostro pollice verde: i consigli e le tecniche per potare le piante

Torna su
PisaToday è in caricamento