rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Ristrutturare

Rinnovare la pavimentazione del terrazzo: materiali, tecniche e consigli

Gli interventi da eseguire per mantenere il terrazzo confortevole e sicuro

Chi ha la fortuna di avere un terrazzo può sfruttarlo durante la bella stagione per trascorrere qualche momento di puro relax all'aria aperta. Se sufficientemente ampio, può accogliere anche alcuni ospiti, con i quali condividere qualche ora di spensieratezza.

Il terrazzo, tuttavia, deve essere sottoposto ad una periodica manutenzione per conservare un aspetto confortevole e rispettare tutti gli standard di sicurezza. Fondamentale è la cura della pavimentazione, che deve essere resistente e durare nel tempo senza danneggiarsi.

I consigli per rendere impermeabile e resistente il terrazzo di casa

I materiali

Quando si decide di rinnovare la pavimentazione del terrazzo possiamo scegliere tra un'ampia gamma di materiali:

  • pietra naturale: perfetta per dare uno stile rustico al terrazzo, si sposa alla perfezione con gli arredi in legno. Esistono vari formati e soluzioni come l'ardesia, l'arenaria e la pietra calcarea;
  • legno: questo materiale trasmette eleganza all'ambiente, ma è maggiormente delicato richiedendo una manutenzione costante;
  • calcestruzzo: indicato soprattutto in caso di arredi moderni, è resistente e ha un costo non eccessivo;
  • ceramica: caratterizzato spesso da disegni che trasmettono personalità a tutto l'ambiente, è resistente e durevole. Sopporta inoltre bene l'umidità e può essere pulito rapidamente;
  • cotto: modellato in blocchi nel classico marrone o beige, è un materiale rustico che riesce a dare una sensazione di calore. A differenza della ceramica, è però difficile da pulire.

Come rinnovare il pavimento del balcone

Ristrutturare il pavimento dei terrazzi è fondamentale anche, e soprattutto, per questioni di sicurezza. Per questo motivo occorre intervenire non appena si notano i primi segni di degrado.

Per sostituire e impermeabilizzare il pavimento ci sono varie fasi:

  • eliminare le vecchie mattonelle: con l'aiuto di uno scalpello si devono togliere le piastrelle usurate assieme al massetto sottostante, alla guaina impermeabilizzante e al massetto "delle pendenze", ovvero la base sulla quale vengono applicati i vari strati del rivestimento;
  • realizzare un nuovo massetto: per non correre il rischio di avere infiltrazioni bisogna inserire le pendenze necessarie ad incanalare l'acqua verso i punti di fuga esistenti;
  • realizzare un nuovo strato impermeabilizzato: si deve applicare il primo strato impermeabile di spessore non superiore a 2 mm a cui si aggiunge una rete in fibra di vetro. Trascorse circa quattro ore si può applicare il secondo strato al di sopra della guaina. È poi necessario collocare uno strato drenante sul quale si deve stendere un altro massetto, necessario per la posa delle piastrelle;
  • pavimentare il terrazzo: una volta che lo strato impermeabile è asciutto, si può procedere all'applicazione del pavimento. Per far aderire le mattonelle si deve applicare la colla sulle piastrelle e applicarle lasciando uno spazio tra di loro con l'aiuto di distanziatori;
  • riempire le fughe: i distanziatori vengono utilizzati per creare gli spazi tra le mattonelle chiamati fughe, che poi devono essere sigillati con lo stucco. Il prodotto a base cementizia deve essere steso sul pavimento. Una volta ricoperte le piastrelle, si devono pulire con acqua e una spugna per eliminare l'eccesso.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rinnovare la pavimentazione del terrazzo: materiali, tecniche e consigli

PisaToday è in caricamento