Antifurto: quale scegliere e come installarlo

Case, uffici, negozi: la protezione dai furti è importante. I sistemi d’allarme in commercio sono diversi, vediamo quali sono e come installarli

Immagine d'archivio

Ogni immobile, sia esso abitazione privata, negozio, azienda o altra struttura, ha le sue specifiche necessità di sicurezza. Richiede, quindi, un tipo di allarme personalizzato nei minimi dettagli. Solo dopo aver analizzato attentamente tutti i punti deboli dell'immobile, l'ubicazione, la quantità di ingressi che possiede e anche gli altri sistemi di sicurezza annessi, come porte blindate, grate, finestre, possiamo disegnare il nostro sistema di allarme più efficace e personalizzato. Esistono una gran varietà di sistemi antifurto, dai più semplici, ma meno efficaci, ai più sofisticati e più sicuri. Per questo è importante analizzare con estrema attenzione il grado di sicurezza richiesto, allo scopo di rispondere al meglio alle differenti esigenze.

1. I vari tipi di sistemi d’allarme

Antifurto ad infrarossi:il dispositivo si basa su un fascio di raggi infrarossi disposti a rete. L’allarme posizionato all’ingresso di un appartamento o all’esterno, si attiva nel momento in cui qualcuno supera la soglia. L’interruzione del fascio di luce fa scattare in automatico il sistema.

Sensori volumetrici: pensati per gli ambienti di grandi dimensioni o per l’esterno, servono a controllare anomalie. L’emissione di un segnale ci permette di capire se ci sono o meno strani movimenti all’interno dell’ambiente.

Sensori per porte e finestre: i più comuni sono sensori magnetici che vengo applicati sul telaio e sulla parte mobile della porta o dell’infisso. Nel momento in cui vengono forzati e i magneti si separano emettono un segnale alla centralina che fa scattare l’allarme.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Impianto a microonde: i sensori diffondono nell’ambiente delle onde elettromagnetiche. Quando avvertono un cambio nella frequenza dovuto ad un corpo estraneo, il cambio della diffusione delle onde fa scattare il segnale che attiva l’allarme.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I consigli e le indicazioni per affittare una casa vacanze

  • Come si coltivano le piante con l'idrocoltura

Torna su
PisaToday è in caricamento