rotate-mobile
Sicurezza

Igiene in cucina, quattro oggetti da cambiare frequentemente

Per evitare la proliferazione di batteri, alcuni strumenti devono essere periodicamente sostituiti

All'interno della nostra casa è fondamentale prestare attenzione all'igiene, in particolare in cucina. Qui, infatti, siamo soliti utilizzare alcuni oggetti che costituiscono un terreno fertile per il proliferare dei batteri e che quindi, considerata anche la frequenza del loro utilizzo, devono essere sostituiti spesso. Ecco quali sono.

Gli strofinacci

Sugli strofinacci, a causa dell'umidità, proliferano in quantità i batteri. Per questo motivo sarebbe opportuno lavarli spesso ad alte temperature e cambiarli con molta frequenza.

Le spugne

Uno degli oggetti da cucina che deve esser cambiato con più frequenza è la spugna per i piatti. Terreno fertile per i batteri, le spugne devono esser cambiate almeno una volta al mese.

Le padelle antiaderenti

Le padelle antiaderenti non hanno una vita lunghissima. Quando il teflon, il materiale che compone lo strato antiaderente della pentola, presenta i primi segni di cedimento è arrivato il momento di sostituire la padella per evitare l'accomulo di batteri.

Il tagliere

Il tagliere, sia in plastica che in legno, è un altro utensile che dovrebbe esser cambiato spesso, almeno una volta all'anno. Qui i batteri possono infatti proliferare nelle fessure e nei tagli della superficie, posti in cui arrivano con maggior difficoltà acqua e sapone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Igiene in cucina, quattro oggetti da cambiare frequentemente

PisaToday è in caricamento