rotate-mobile
Utenze

Bonus tende da sole 2022: requisiti e informazioni utili

Tutto ciò che c'è da sapere per poter usufruire delle agevolazioni

Con l'arrivo della bella stagione diventa fondamentale munire balconi e terrazzi di apposite tende da sole. Sul mercato ne esistono diversi modelli, ciascuno dei quali adatto a soddisfare specifiche esigenze. Per risparmiare sulle spese, è possibile utilizzare il Bonus tende da sole 2022, usufruibile fino al prossimo 31 dicembre. Vediamo come funziona.

Cos'è e come ottenere il bonus tende da sole

Il bonus tende da sole può essere sfruttato da coloro che decidono di acquistare e di mettere in posa opere di schermatura e assicura una detrazione del 50% su una spesa massima di 60.000 euro su singola abitazione: ciò significa che si può usufruire della detrazione su più immobili anche se fanno capo allo stesso proprietario. Altro limite da non superare è il costo massimo al metro quadrato, fissato a 230 euro/mq per ogni tenda.

Per ottenere l'agevolazione fiscale si può scegliere fra tre differenti opzioni:

  • sconto diretto in fattura;
  • cessione del credito d'imposta ad un soggetto terzo per il bonus tende da sole;
  • detrazione IRPEF con la restituzione del 50% della spesa in 10 anni con una rata di pari importo ogni anno.

Oltre a questa agevolazione, c'è anche il Bonus tende da sole 110 con il quale si ottiene una detrazione del 110% se i lavori che si effettuano rientrano in quelli del Superbonus 110% per la riqualificazione energetica, pensati per rendere l'immobile sostenibile.

Le tende rientrano nel bonus

In commercio esistono differenti tipologie di tende e schermature solari. Queste quelle che rientrano nel bonus:

  • alla veneziana;
  • verticali;
  • a rullo;
  • esterne a bracci pieghevoli o rotanti;
  • ombreggianti per lucernari e finestre da tetto.

Le tende devono avere poi ulteriori requisiti per rientrare nella detrazione. Nello specifico devono:

  • avere il marchio CE;
  • assicurare la protezione di superfici vetrate;
  • essere installate all'interno e all'esterno della superficie vetrata;
  • essere mobili;
  • rispettare le norme in materia di sicurezza ed efficienza energetica;
  • non essere montate o smontate liberamente dall'utente;
  • avere un orientamento a sud, est, ovest, sud-est, sud-ovest per quel che riguarda i sistemi schermanti, mentre per le imposte e le tapparelle, è possibile chiedere il bonus anche se sono esposte a nord;
  • avere, in caso di sostituzione, una resistenza termica superiore a quella precedente per avere un ulteriore risparmio energetico;
  • rispettare le norme locali relative all'urbanistica, all'edilizia, all'efficienza energetica e di sicurezza.

Montare le tende implica anche delle spese extra. Alcune di esse possono far parte dell'agevolazione, tra cui:

  • smontaggio e dismissione di sistemi analoghi già esistenti;
  • fornitura e messa in opera di schermature solari o chiusure oscuranti;
  • fornitura e messa in posa di meccanismi automatici per il controllo delle schermature;
  • assistenza professionale sulla produzione della documentazione tecnica necessaria, sulla direzione dei lavori ecc.;
  • opere provvisionali e accessorie.

Chi può richiedere il bonus tende

Per richiedere il bonus tende bisogna:

  • essere proprietari dell'immobile (sono considerati proprietari i familiari come il coniuge e i parenti fino al terzo grado);
  • essere proprietari di parti comuni all'interno di condomini o edifici residenziali;
  • oossedere un diritto reale sulle unità immobiliari che vanno a costituire l'edificio.

I documenti da avere per il bonus tende e modalità di presentazione

La domanda per ottenere la detrazione fiscale deve essere presentata online sul sito dell'ENEA inviandola entro 90 giorni dalla data di fine dei lavori o di collaudo delle opere. Questi i documenti da presentare:

  • scheda descrittiva dell'intervento con codice CPID assegnato dal sito ENEA e firmata dal soggetto beneficiario;
  • asseverazione redatta da un tecnico abilitato;
  • schede tecniche dei componenti e marcatura CE con dichiarazioni di prestazione;
  • attestazioni di prestazione per il fattore di trasmissione solare totale;
  • delibera assembleare di approvazione di esecuzione dei lavori e tabella millesimale di ripartizione delle spese nel caso d'interventi nei condomini;
  • dichiarazione del proprietario di consenso all'esecuzione dei lavori se gli interventi sono realizzati dal detentore dell'immobile;
  • fatture relative alle spese nel caso il cui il pagamento non può essere eseguito con bonifico o che riguardano gli interventi su parti comuni del condominio;
  • ricevute dei bonifici (con causale del versamento, codice fiscale del beneficiario della detrazione, numero e data della fattura e numero di partita IVA o codice fiscale del destinatario del bonifico);
  • e-mail inviata dall'ENEA contenente il codice CPID.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus tende da sole 2022: requisiti e informazioni utili

PisaToday è in caricamento