Consumi, inverno green e senza sprechi. I 7 suggerimenti per risparmiare di NeN

Ecco i consigli per risparmiare nonostante il caro bollette e l'ora solare

E' vero, le brutte notizie non arrivano mai sole. Come se non bastassero gli aumenti in bolletta a doppia cifra comunicati da Arera (l'Autorità di regolazione per energia reti e ambiente), la stagione fredda porta con sé la diminuzione delle ore di luce, accentuata ancor più dal ritorno all’ora solare, e temperature più rigide che inducono inevitabilmente a consumare una quantità maggiore di energia per illuminare e riscaldare la casa.

Ma è davvero inevitabile? Dobbiamo rassegnarci a spendere di più?

NeN, startup dell’energia in abbonamento, primo fornitore italiano 100% digital e 100% (veramente) green, ha individuato alcuni comportamenti virtuosi che permettono di superare la stagione fredda indenni (o quasi) e risparmiare denaro ed energia, per affrontare l’inverno in modo conveniente e sostenibile.

1 – Attenzione alla temperatura! Va bene stare al caldo, ma non siamo ai Caraibi!

Ok, lo sappiamo tutti: quest’anno niente Natale ai Caraibi. Ma questo non è un buon motivo per ricreare in casa il clima tropicale. Quindi, imposta il termostato o le valvole dei caloriferi in modo da non superare i 20 gradi. Che, per inciso, è anche la temperatura massima consentita dalla normativa nazionale. Ricorda, inoltre, che il consumo stimato per ogni grado che supera questa soglia va ad aumentare del 6/7% la spesa relativa al riscaldamento degli ambienti.

Il consiglio smart di NeN: abbassa la temperatura di 1 o 2 gradi, tanto quest’anno si esce di meno e, se ti viene freddo, è un’ottima occasione per sfoggiare anche in casa quel nuovo maglione che ti piace tanto.

2 – Hai già fatto controllare la caldaia e lo scaldabagno?

Così come portiamo la nostra auto dal meccanico per il consueto tagliando e revisione, così è necessario fare con la nostra caldaia o scaldabagno. Oltre a essere una disposizione di legge, la revisione ti permette di tenere sempre efficienti gli apparecchi e a controllare per tempo eventuali malfunzionamenti. Ne guadagnerai in sicurezza, soldi e farai un favore anche all’ambiente.

Il consiglio smart di NeN: programma la manutenzione della caldaia nei mesi estivi, ti costerà molto meno.

3 – Dichiara guerra agli spifferi con infissi isolanti e doppi vetri. E se devi cambiare aria, fallo con intelligenza.

La dispersione di calore è uno dei fattori che incide maggiormente sul consumo energetico di casa. In altre parole, scegliendo dei buoni infissi e/o i doppi vetri, il risparmio in bolletta può arrivare fino al 70%. Se poi vuoi cambiare aria - che è una cosa molto importante, di questi tempi - consigliamo di farlo la mattina presto, quando i caloriferi non sono ancora a pieno regime, così da non sprecare calore inutilmente.

Il consiglio smart di NeN: ricorda che i doppi vetri sono ottimi anche per l’isolamento acustico, salvandoti dal vicino di casa che rasa l’erba la domenica mattina. E che per gli infissi, quest’anno, puoi fare appello al famoso Ecobonus al 50% (o superbonus 110% assieme ad altri interventi di efficienza energetica).

4 – Non coprire i termosifoni e mantienili efficienti

C’erano una volta quei termosifoni brutti e grigi, che facevano venire la tentazione di coprirli con mensole e coperture, o di nasconderli dietro porte e tende. Oggi, però, i termosifoni sono pezzi di arredamento, e quindi non c’è nessun motivo di coprirli. Anzi. In ogni caso, lascia i tuoi termosifoni liberi di diffondere calore, e assicurati di mantenerli sempre puliti ed efficienti; fai spurgare sempre l’aria; e non coprirli con asciugamani e salviette che, oltre a generare un’umidità che può rovinare lo smalto, impediscono al calore di irradiarsi correttamente.

Il consiglio smart di NeN: scegli il materiale del termosifone con astuzia. La ghisa è un ottimo conduttore, e se è vero che si scalda più lentamente poi mantiene il calore più a lungo. L’alluminio invece è velocissimo a scaldarsi, ma lo è altrettanto a raffreddarsi, mentre l’acciaio è una via di mezzo tra i due precedenti.

5 – Alza e abbassa le tapparelle al ritmo del sole

Ovvero alzale di giorno nelle belle giornate, in modo da far entrare entrare la luce e i raggi solari che aiutano a scaldare casa; e abbassale la sera, appena tramonta il sole, così da evitare dispersioni inutili. Il discorso, ça va sans dire, vale anche per le persiane.

6 – Spegni le luci quando non servono e utilizza lampadine ad alta efficienza

È vero, le giornate corte invernali e la poca luce influiscono anche sul buonumore, e lasciare le luci accese può darci una maggiore sensazione di benessere. Ma è solo un’illusione: lasciare le luci accese quando l’ambiente è già illuminato di luce naturale è più uno spreco di energia e soldi che un aiuto al tono umorale (per cui pare funzioni meglio un quadratino di cioccolato). E poi - importantissimo! - è opportuno sostituire tutte le lampadine di casa con quelle a LED, che hanno una vita molto lunga e sono molto efficienti.

7 – La classe non è acqua… nemmeno quando si scelgono gli elettrodomestici

Ricordi quando tornavi a casa da scuola felice di aver preso il voto più alto? Ecco, questo è lo spirito con cui affrontare l’acquisto di una nuova lavatrice, lavastoviglie, frigorifero o televisore: scegliere solo quelli di una classe energetica che sia compresa tra A+ a A+++. I conti sono presto fatti: a parità di caratteristiche, i modelli A+++ permettono di ridurre i consumi del 30% rispetto agli A++ e del 50% rispetto agli A+.

Il consiglio smart di NeN: pare che un terzo degli acquisti venga fatto tra novembre e dicembre. Trasforma il black friday in green friday: considerato il tempo trascorso in casa nel 2020, forse questo è l’anno buono per farsi un regalo “a tema”, e sostituire quell’ elettrodomestico un po’ anziano che non aiuta a risparmiare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus mobili 2021, come ottenere le detrazioni: i requisiti

  • Bollette luce e gas, quando e come chiedere la rettifica

  • Bonsai: coltivazione, cura e potatura per mantenerlo sano a lungo

  • Cappa da cucina, tipologie e installazione

Torna su
PisaToday è in caricamento