Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Inaugurazione Sinagoga di Pisa: oltre 1000 gli intervenuti

Una festa di partecipazione per il recupero del luogo culto e patrimonio storico-artistico della città. La Comunità Ebraica ringrazia tutti gli enti coinvolti nei complessi lavori di restauro, durati 8 anni

La Sinagoga restaurata ha aperto per la prima volta le sue porte la scorsa domenica: al mattino agli iscritti della Comunità Ebraica di Via Palestro e le Autorità, al pomeriggio a moltissime famiglie. Una giornata di festa che segue i lunghi 8 anni di un recupero complesso e accurato. La città riguadagna non solo un luogo di culto ma anche un bene artistico e monumentale. "Le oltre mille persone che domenica scorsa sono venute a trovarci – afferma la Comunità Ebraica – confermano quanto la Sinagoga di via Palestro sia un gioiello pisano e  parte integrante della città come la Comunità Ebraica pisana lo è stata in questi mille anni di storia e lo sarà ancora di più d'ora in poi".

Per mesi ha lavorato il Comitato presieduto dal Rabbino di Pisa Luciano Caro e formato da Maurizio Gabbrielli, Andrea Gottfried, Paolo Piantanida, Arsenio Veicsteinas, Anna Deutsch Gottfried e Giacomo Schinasi (Segretario e Amministratore della Comunità). Tanti i ringraziamenti che la Comunità ha voluto formulare: "E' nostro desiderio ringraziare tutti coloro che sono intervenuti e hanno scelto, in una calda domenica estiva, di festeggiare la Sinagoga, partecipando alla cerimonia del mattino e alle visite guidate del pomeriggio. Per tutti noi è stata una gioia e una sorpresa. Ma vogliamo dire grazie anche ai relatori che nel corso della cerimonia di inaugurazione hanno portato il proprio saluto: ognuno di loro ha avuto un ruolo importante nel difficile e lungo recupero del Complesso Sinagogale. Nel corso degli otto anni che ci hanno condotto fino ad oggi si sono interessati, hanno contribuito secondo le proprie competenze, hanno anche semplicemente segnalato gli strumenti e le strade da percorrere per raggiungere questo importante obiettivo".

"A rendere possibile la riapertura – dopo i danni al tetto del settembre 2007 che hanno portato poi al restauro complessivo – è stata una squadra di enti sovvenzionatori che hanno creduto nel nostro progetto di restauro: Arcus spa, Mibac con la Legge 175 per il recupero del Patrimonio Ebraico, Fondazione Pisa e Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato. A loro va un ringraziamento particolare poiché senza il loro aiuto concreto la Comunità non avrebbe potuto riaprire le porte della Sinagoga. Ciascuno di essi è intervenuto al momento giusto ed è stato per noi fondamentale per non interrompere questa complessa opera".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurazione Sinagoga di Pisa: oltre 1000 gli intervenuti

PisaToday è in caricamento