Cronaca Ospedaletto / Via Maggiore di Oratoio

Fosso di Oratoio: denuncia contro ignoti per l'abbandono di ingombranti

La sera del 25 ottobre scorso, dopo la pioggia che ha colpito la provincia di Pisa, il canale vicino ad un insediamento nomadi abusivo ha rischiato di esondare per la presenza di rifiuti abbandonati sulle sue sponde

Il campo rom lungo il Fosso di Oratoio

Una denuncia contro ignoti per “abbandono incontrollato di rifiuti ingombranti e pericolosi” nel tratto del Fosso di Oratoio che segna il confine di un lato del campo nomadi abusivo di Ospedaletto, causa dell’intervento d’emergenza resosi necessario nella tarda serata dello scorso 25 ottobre per scongiurare l’esondazione del corso d’acqua. Lo aveva annunciato il sindaco Marco Filippeschi durante il sopralluogo sul posto del giorno seguente e così è stato: la notizia di reato, infatti, è stata comunicata ieri dalla Polizia Municipale all’autorità giudiziaria.  I vigili urbani si sono presi qualche giorno di tempo in più per cercare di risalire all’identità di qualcuno dei responsabili, ma senza riuscire a giungere a conclusioni certe anche se "molti degli occupanti dell’insediamento esercitano la professione di robivecchi ed effettuano puliture di scantinati e locali simili allo scopo di riutilizzare o rivendere parte del materiale - si legge nella denuncia - è presumibile, quindi, che il materiale inutilizzabile sia da alcuni abbandonato in discariche abusive poste nelle aree limitrofe al campo e anche all’interno del fosso".

Con il materiale rimosso durante l’intervento della settimana scorsa furono riempiti due cassoni da venticinque metri cubi ciascuno di rifiuti speciali (soprattutto divani, sedie e mobilia varia abbandonata) per una spesa complessiva a carico dell’amministrazione comunale di quasi quaranta mila euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fosso di Oratoio: denuncia contro ignoti per l'abbandono di ingombranti

PisaToday è in caricamento