Verde pubblico: saranno abbattuti 11 pini pericolanti fra Porta a Lucca e Pratale

Proseguono pio i lavori in via Giovanni Pisano per la sistemazione di marciapiede e pista ciclabile

A seguito di segnalazioni e di recenti eventi atmosferici caratterizzati da vento forte, è stato effettuato un ulteriore controllo sulle alberature di Pisa da parte del Dipartimento di Scienze Agrarie dell’Università , che effettua ciclicamente lo studio e il monitoraggio del patrimonio arboreo comunale. Dalle verifiche dei tecnici agronomi è emersa la necessità di rimuovere urgentemente 11 pini pericolanti, di cui 9 nel quartiere di Porta a Lucca e 2 in zona Pratale-Don Bosco. Si tratta di piante in cui si è osservato l’aumento del grado di inclinazione del fusto e che, in alcuni casi, hanno causato anche danni a marciapiedi e asfalto della strada.

Partirà domani mercoledì 29 aprile l’intervento di rimozione che prevede nello specifico l’abbattimento di 9 pini in via Fratelli Rosselli, nei tratti da via Galimberti Tancredi Duccio e Largo Duca d’Aosta e all’angolo con via XXIV Maggio e di 2 pini in via di Pratale tra via Angelo Battelli e via Vittorio Veneto. Tutte le alberature rimosse verranno sostituite con altre piante, nella stagione idonea alle piantumazioni, direttamente sul posto o nei parchi a verde limitrofi, per rispettare una idonea compensazione ambientale del quartiere.

L’intervento di rinnovo arboreo partito dal quartiere di Porta a Lucca nel mese di febbraio, poi interrotto a causa delle misure adottate per contenere la diffusione del Covid-19, ha permesso comunque a Pisamo di iniziare nei giorni scorsi a lavorare per risistemare l’intera pista ciclabile e il marciapiede di via Giovanni Pisano, danneggiati dalle radici dei pini salite in superficie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento