Cronaca Centro Storico / Piazza Santa Caterina

Attore strangolato al Teatro Lux: iniziata la procedura di accertamento di morte cerebrale

E' iniziata alle 14 e terminerà in serata. Le condizioni dell'attore erano apparse sin da subito gravissime. C'è stato poi un progressivo peggioramento e una mancata risposta alle terapie

Arrivano notizie poco confortanti dall’ospedale Cisanello di Pisa, dove dalla notte tra sabato e domenica lotta tra la vita e la morte il 27enne rimasto strangolato al Teatro Lux durante la rappresentazione di una impiccagione. Alle 14 è infatti iniziata la procedura di accertamento della morte cerebrale che dovrebbe concludersi in serata. Le condizioni dell'attore lombardo, sin dal suo arrivo all'ospedale, erano apparse subito disperate, visto che era rimasto per alcuni minuti senza ossigeno. Una condizione che è andata via via peggiorando con la vita appesa ad un filo che si è fatto sempre più sottile.

Intanto sul fronte delle indagini gli inquirenti sembrano battere maggiormente la pista del tragico incidente, pur non escludendo ancora del tutto l'ipotesi del suicidio. Al vaglio della Procura il rispetto delle normative di sicurezza nell'edificio di Piazza Santa Caterina, per accertare anche eventuali responsabilità nei gestori del teatro che fanno capo all'associazione 'The Thing'. E sarebbe proprio uno dei gestori ad aver affermato che il ragazzo avrebbe cambiato la scena finale del suo monologo, senza avvertire, utilizzando appunto la corda e inscenando una impiccagione, invece della pistola come inizialmente stabilito.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attore strangolato al Teatro Lux: iniziata la procedura di accertamento di morte cerebrale

PisaToday è in caricamento