rotate-mobile
Mercoledì, 6 Luglio 2022
Cronaca

Guerra Ucraina, Toscana pronta all'accoglienza: tra alberghi sanitari e aiuto nella spedizione dei beni di prima necessità

Al momento i profughi si appoggiano principalmente da amici e familiari, ma la nostra regione è pronta all'intensificazione degli arrivi

Riunione ieri, mercoledì 2 marzo, dell’Unità di crisi convocata dal presidente Eugenio Giani per fare il punto sul sistema di accoglienza che la Toscana si prepara a predisporre per sostenere i profughi in arrivo dall'Ucraina, profughi che al momento sono composti da donne e bambini che arrivano alla spicciolata, si appoggiano a familiari o amici. Gli uomini invece, anche quando accompagnano la famiglia, poi ripartono per tornare a difendere terra e libertà. All'incontro hanno partecipato con il governatore, l’assessore alla Protezione civile, Monia Monni, il direttore della Protezione civile regionale, Giovanni Massini, Matteo Biffoni, presidente dell’Anci. Collegati i prefetti e i rappresentanti di Comuni e Province. 

“Stiamo facendo azione di coordinamento - spiega il presidente Giani - l’arrivo di cittadini ucraini al momento è molto spontaneo, prossimo a parenti e amici, il livello dell’intervento pubblico è stato estremamente limitato. Ma ci stiamo preparando. Questa mattina (ieri, ndr), nella riunione con i presidenti delle Regioni, quelli che sono nella linea di confine con la direttrice del corridoio di arrivo hanno segnalato che gli arrivi sono sempre più numerosi”. 
Durante la riunione dell’Unità di crisi il presidente ha firmato l’atto di ‘Stato di mobilitazione regionale’, propedeutico anche ad assumere delibere per provvedere all’accoglienza e all’aiuto. L’attività della Toscana dovrà sottostare alle norme nazionali: c’è il decreto legge che è stato approvato martedì e che fissa lo stato di emergenza fino al 31 dicembre 2022; e il decreto del Presidente del consiglio de ministri di cui si attende a ore l’emanazione. L’aiuto verso chi arriva e il sostegno verso i campi profughi “avverrà dopo che avremo  l’ordinanza del capo Dipartimento di Protezione civile”.
“La Toscana ha messo a disposizione gli alberghi sanitari, per una funzione che offre anche assistenza sanitaria: verifica della vaccinazione, almeno 5 giorni di quarantena, provvedere ai vaccini e quindi alla collocazione di chi è ospitato. C’è poi l’aspett  dell’educazione alla lingua, il possibile inserimento per lavori stagionali” afferma Giani.  L’accoglienza, in sintesi, vedrà il coordinamento tra gli alberghi sanitari, sotto la Regione, e i Cas, che hanno come riferimento le Prefetture. 

E poi il capitolo dell’assistenza. “Ci concentreremo verso i campi profughi della Romania e della Polonia, e contemporaneamente verso il centro di smistamento di Leopoli, dove si sono trasferite sia l’ambasciata italiana che quella francese”. Il presidente preannnuncia un conto corrente della Regione Toscana, “perché molti cittadini ci chiedono che ci sia un meccanismo trasparente di spesa. Contemporaneamente stiamo facendo il servizio di supporto a chi vuole raccogliere beni, vestiario, medicinali e altro che spontaneamente la popolazione ha raccolto: c’è già stato un tir dell’associazione I colori della pace che da Massa è arrivato in campi profughi in Polonia. Organizzeremo sempre di più questo livello di coordinamento, non tanto per la raccolta, che il volontariato, la Chiesa, le istituzioni culturali stanno già facendo, quanto per aiutare la spedizione di questi aiuti, attraverso il nostro servizio di Protezione civile”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guerra Ucraina, Toscana pronta all'accoglienza: tra alberghi sanitari e aiuto nella spedizione dei beni di prima necessità

PisaToday è in caricamento