Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Accordo di programma per l'inclusione scolastica di alunni e studenti con disabilità

La Provincia di Pisa avvia un aggiornato accordo di programma tra enti per favorire una reale inclusione scolastica che miri a valorizzare le peculiarità di ciascuno studente

Si è svolta nella mattina di venerdì 5 maggio presso l’Auditorium Antonino Maccarrone la Conferenza 'Accordo di programma per l’inclusione scolastica di alunni e studenti con disabilità', strumento previsto dalla normativa di riferimento (L. 104/1992), svolto dal gruppo di lavoro interistituzionale coordinato dalla consigliera provinciale Maria Antonietta Scognamiglio, con delega alla programmazione scolastica.

"Voglio ringraziare la Provincia di Pisa e tutti i soggetti sottoscrittori dell'Accordo - ha detto l'assessore regionale Alessandra Nardini - per l'impegno su un tema, quello dell'inclusione scolastica delle bambine, dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi con disabilità, rispetto al quale l'attenzione della Regione Toscana è massima e costante. La scuola che vogliamo contribuire a costruire, infatti, è quella della piena inclusione, delle reali pari opportunità, a partire dai servizi educativi per l'infanzia fino ai livello più elevati di istruzione. Voglio ricordare, a tal proposito, che all'interno dei Pez - i Progetti Educativi Zonali da noi finanziati, una quota delle risorse viene destinata proprio agli interventi per garantire l'inclusione della disabilità e che, annualmente, destiniamo alle Province toscane 2.5 milioni di euro attraverso cui sostenere gli interventi per il trasporto scolastico e l’assistenza educativa rivolta alle studentesse e agli studenti disabili  che frequentano le scuole secondarie di secondo grado".

"A partire dagli anni ‘90 - afferma il presidente della Provincia Massimiliano Angori - sono stati definiti accordi di programma tra Enti locali, Unità Sanitarie Locali, Istituzioni scolastiche e gli altri enti interessati per promuovere l’integrazione e l’inclusione scolastica dei minori con disabilità; con questo lavoro molto proficuo, portato avanti dal gruppo di lavoro messo in piedi dalla Consigliera Scognamiglio, l’ente provinciale ha rinnovato il testo dell’Accordo che presenta un elaborato sistema che ha consentito di approfondire tutti gli aspetti del complesso sistema dell’inclusione degli studenti e alunni con disabilità. La Conferenza, che si è svolta questa mattina, costituisce anche l’avvio del percorso per la sottoscrizione dell’Accordo; a tale proposito, i nostri uffici trasmetteranno a stretto giro lo schema delibera che potrà essere utilizzato come base per gli atti propedeutici alla sottoscrizione, insieme al decreto presidenziale di approvazione dell’Accordo stesso".

Tra gli Enti coinvolti dall’Accordo, oltre alla Provincia di Pisa, risultano i seguenti: Istituti scolastici statali; Scuole paritarie; Aziende USL; Comuni, Società della Salute.

Illustra la consigliera Scognamiglio: "La necessità di pervenire alla definizione di un nuovo Accordo di programma si è resa stringente sia a causa delle importanti innovazioni normative intervenute negli ultimi anni, sia a causa delle modifiche organizzative e di funzioni svolte che hanno interessato alcuni degli enti sottoscrittori. Con il presente Accordo le istituzioni coinvolte nella formazione e nella didattica, nell'assistenza e nella tutela della salute si sono coordinate per promuovere azioni condivise al fine di permettere un’effettiva inclusione scolastica delle bambine e dei bambini, delle alunne e degli alunni, delle studentesse e degli studenti con disabilità, in modo da garantire la piena realizzazione del loro progetto di vita autonomo".

"Il presente Accordo di programma - prosegue - si propone di promuovere il benessere, l'inclusione e il successo scolastico e formativo delle alunne e degli alunni, delle studentesse e degli studenti con disabilità, al fine di realizzare la piena attuazione del diritto all'istruzione e consentendo loro di esprimere al meglio le proprie potenzialità, mettendoli al centro del progetto di vita dove la persona è valorizzata nella sua globalità. Per quest'ultima finalità abbiamo lavorato moltissimo sull'orientamento in entrata e in uscita, momenti di vita fondamentale per la formazione di ciascun individuo". "Nello specifico - aggiunge anche Angori - nell’ambito delle proprie competenze e della normativa statale e regionale in materia, si impegna dunque: a promuovere il rinnovo dell’Accordo di Programma e monitorarne l’attuazione; a promuovere le politiche per l’inclusione di alunni e studenti con disabilità nelle sedi di governo territoriale del sistema di istruzione e formazione, in particolare attraverso il Tavolo provinciale integrato di programmazione e concertazione, previsto dal Protocollo d’intesa sulla governance territoriale sottoscritto nel 2004 da Regione Toscana, Anci, Uncem e Urpt".

"Una competenza dell’ente provinciale imprescindibile - dicono Scognamiglio e Angori - sarà quella di adeguare gli edifici di propria competenza alla normativa vigente sull'abbattimento delle barriere architettoniche e perseguire l'obiettivo dell'accessibilità nella progettazione di nuove costruzioni; fornire alle scuole secondarie di II grado gli arredi e le attrezzature adeguate alle esigenze degli studenti con disabilità, dietro richiesta presentata dall’Istituto scolastico e formulata in sede di GLO; sensibilizzare e promuovere sul territorio provinciale azioni per l’adeguamento di mezzi di trasporto e strutture in funzione delle esigenze degli alunni con disabilità. In questo senso, auspichiamo anche una sempre maggiore azione incisiva da parte del Governo centrale per fornire adeguate risorse economiche e umane ai nostri enti locali".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accordo di programma per l'inclusione scolastica di alunni e studenti con disabilità
PisaToday è in caricamento