Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca San Miniato

Accordo Regione-Consorzio Conciatori: 30 milioni per l'economia circolare

L'investimento delle concerie è votato alla realizzazione di tre impianti: di cogenerazione, teleriscaldamento e smaltimento rifiuti

Favorire l'economia circolare per ridurre e trasformare in risorse da riutilizzare i rifiuti generati dal distretto conciario. Questo l'obiettivo in vista del quale è stato firmato oggi, 14 ottobre, a Firenze, un protocollo d'intesa tra la Regione Toscana, il Consorzio Conciatori e Rea Impianti. L'accordo, analogo a quello firmato a marzo 2019 con Assoconciatori, mira a coinvolgere tutte le imprese del distretto per gestire in maniera omogenea lo smaltimento della maggior parte dei rifiuti delle aziende del settore, per prevenire ed evitare situazioni di emergenza nel distretto del cuoio.

A firmare per la Regione il presidente della Regione Enrico Rossi, presente anche l'assessore all'ambiente Federica Fratoni. Con la firma di oggi il Consorzio Conciatori di Ponte a Egola, frazione del Comune di San Miniato, si impegna a realizzare opere per circa 30 milioni di euro. In particolare dovrà costruire:

- nell'arco dei prossimi 3 anni un impianto di cogenerazione con utilizzo di gas metano di rete presso l'impianto del Consorzio Cuoiodepur SpA. L'energia elettrica prodotta da cogeneratore sarà totalmente utilizzata dall'impianto, mentre l'energia termica potrà essere in parte impiegata in situ ed in parte immessa nella rete di teleriscaldamento.

- un impianto di teleriscaldamento (costituito da centrale di produzione e rete di distribuzione) all'interno dell'area industriale di Ponte a Egola in grado di alimentare una parte delle concerie localizzate nell'area;

- un impianto di digestione/codigestione anaerobica, alimentato sia con i fanghi conciari prodotti dal trattamento delle acque reflue che con matrici di scarto della lavorazione conciaria, per ottenere biogas e/o biometano.

"La logica è una, investire - ha detto il presidente Rossi - e il Consorzio Conciatori si è presentato compatto dichiarando di voler fare investimenti importanti per l'economia circolare. Realizzeranno un impianto di cogenerazione con utilizzo del gas metano, un impianto di teleriscaldamento e quindi un impianto di codigestione anaerobica. Nel frattempo, mentre si impegnano a realizzare queste opere e lavorano per ridurre il materiale da smaltire e promuovere l'economia circolare con il riutilizzo di scarti che possono diventare materia seconda, la Regione Toscana ha favorirto il raccordo con la discarica di Scapigliato per consentire che in questa fase intermedia loro abbiamo certezza di dove smaltire. In questo modo tutto il distretto del cuoio si colloca all'avanguardia in Europa: si chiude il cerchio non tanto rinunciando a produrre ma cercando di immettere dentro la produzione elementi della scienza e della tecnica che consentono di non inquinare e di recuperare materia, insomma l'economia circolare di cui parla l'Europa".

Riguardo al trattamento di sottoprodotti di origine conciaria attuato dal consorzio SGS, sito di via Nuova Francesca 23, il protocollo richiama il precedente sottoscritto a marzo 2019 che prevede la modifica della linea di lavorazione del carniccio in modo tale da recuperare la quasi totalità del grasso dal residuo solido della lavorazione ed ottenere un nuovo prodotto (concime solido organo-fosfatico).

Da parte sua, invece, la Regione Toscana si assume l'impegno di assicurare una rapida conclusione - qualunque ne sia l'esito - dei procedimenti amministrativi necessari per la realizzazione degli impianti, nel rispetto della normativa vigente. La Regione valuterà la possibilità di forme di cofinanziamento, mano a mano che queste si renderanno disponibili. I rifiuti del Consorzio Conciatori che non potranno essere recuperati saranno conferiti alla discarica di Scapigliato, nel rispetto del principio di prossimità e sulla base di accordi già definitivi tra il Consorzio Conciatori e Rea Impianti. Al fine di monitorare l'andamento del Protocollo d'intesa verrà costituito un Tavolo presieduto dall'assessore regionale all'ambiente che riunirà i rappresentanti dei soggetti firmatari e di Arpat e che si riunirà almeno ogni 2 mesi.

Si ricorda che il distretto industriale conciario di Santa Croce sull'Arno comprende i Comuni di Castelfranco di Sotto, Montopoli in Val d'Arno, Santa Croce sull'Arno, Santa Maria a Monte e San Miniato, nella provincia di Pisa, e Fucecchio, nella provincia di Firenze. I principali prodotti del distretto sono pelle e cuoio da suola per calzature (60% della produzione), Pelletteria (30%), Abbigliamento, arredamento e altre (10%). Nel distretto sono presenti circa 500 aziende della filiera conciaria, con oltre 6.000 addetti ed una dimensione media di circa 12 addetti, per un fatturato pari a 2 miliardi e 400 milioni di euro, con esportazioni che rappresentano circa il 70% del fatturato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accordo Regione-Consorzio Conciatori: 30 milioni per l'economia circolare

PisaToday è in caricamento