Bus turistici al 'Galilei': c'è l'accordo tra Comune e Toscana Aeroporti

Un'intesa che modifica l'ordinanza del febbraio 2018 sul divieto di accesso dei bus nell'area aeroportuale. Ecco cosa prevede l'accordo

Vigili schierati per far rispettare l'ordinanza del febbraio 2018

Un nuovo capitolo e passi in avanti, dopo la guerra del passato, per quanto riguarda l'accesso dei bus turistici all'interno dell'area dell'aeroporto 'Galilei' di Pisa: accordo raggiunto infatti tra il Comune di Pisa e Toscana Aeroporti per l'accessibilità all'interno del sedime aeroportuale.

L'accordo prevede la concessione da parte di Toscana Aeroporti degli stalli di parcheggio posti all’interno del sedime aeroportuale per le operazioni di salita e discesa passeggeri da autobus esclusivamente nei seguenti casi:

  • a una sola azienda titolare di autorizzazione regionale per il trasporto su gomma nella tratta Firenze - Aeroporto di Pisa per un numero massimo di dodici ingressi di autobus giornalieri (corrispondenti a circa 130.000 passeggeri annui);
  • ai bus non svolgenti servizio pubblico e a carattere occasionale, quali charter, gruppi omogenei, voli dirottati;
  • ai bus svolgenti servizio di trasporto per conto di Toscana Aeroporti o autorizzati dalla stessa all’interno del sedime aeroportuale e di collegamento con i parcheggi remoti e il terminale dei rent a car, con l’impegno di Toscana Aeroporti a introdurre l’utilizzo di mezzi elettrici entro 36 mesi da oggi.


In tutti gli altri casi non citati, gli autobus continueranno a utilizzare il parcheggio scambiatore del People Mover.

In seguito all'accordo - che prevede la rinuncia da parte di Toscana Aeroporti al ricorso in appello al Consiglio di Stato avverso la sentenza del Tar Toscana n. 370 del 18.3.2019 con compensazione delle spese di lite - il Comune di Pisa revoca parzialmente il divieto di circolazione per gli autobus di cui all’ordinanza dirigenziale 6.2.2018, n. 10/244 con esclusivo riferimento alla viabilità compresa tra la rampa di uscita Pisa Aeroporto dalla FI-PI-LI, la rotatoria e il raccordo fino a tutta Via Eugenio III nella sua interezza, inserendo nel dispositivo dell’ordinanza stessa, secondo il combinato disposto con la precedente ordinanza dirigenziale 18.12.2012, n. 505, una corrispondente deroga.

L'accordo prevede infine che le parti promuovano l’uso del 'People Mover' e l'impegno da parte di Toscana Aeroporti a pubblicizzare adeguatamente tale servizio anche utilizzando il proprio sito web.

Per Toscana Aeroporti “si chiude il contenzioso tra Comune di Pisa e Toscana Aeroporti con un accordo vantaggioso per entrambe le parti che ha come primario obiettivo il mantenimento del livello di servizio per i passeggeri e la sostenibilità del sistema di mobilità e accessibilità che gravita intorno allo scalo”.
Soddisfatto anche il sindaco di Pisa Michele Conti: "Si tratta di un accordo che permette a tutti di fare un passo in avanti e chiude un contenzioso che non faceva bene né alla città né allo scalo aeroportuale. Insieme a Toscana Aeroporti dobbiamo portare avanti politiche di sviluppo, far funzionare meglio il 'People Mover', opera ormai realizzata, e migliorare il livello dei servizi per i cittadini e i passeggeri dello scalo. Ribadisco, dopo aver espresso soddisfazione per l’accordo raggiunto, la necessità che adesso si prosegua senza ritardi con gli investimenti promessi per lo scalo pisano, tornando a chiedere a Toscana Aeroporti di rispettare gli impegni presi in termini di risorse e tempistiche”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Pisa usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Fisica, matematica, chimica: la Normale di Pisa è la prima università al mondo nella ricerca

  • Dà in escandescenze e devasta il ristorante di fronte a clienti e proprietari

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

  • Pontedera, scontro auto-moto: perde la vita 38enne

  • Condizioni igieniche "precarie": chiusa mensa, serviva 9 scuole in provincia di Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento