Acquedotto mediceo: la soprintendenza 'blinda' il bene

Avviata la procedura per il riconoscimento dell’interesse culturale dell’intero monumento: "Rappresenta una traccia caratterizzante il paesaggio pisano"

La Soprintendenza di Pisa ha avviato la procedura di verifica dell’interesse culturale dell’intero acquedotto mediceo. L'ente ha infatti notificato nei giorni scorsi ai comuni interessati (Pisa e San Giuliano Terme) l'avvio della procedura finalizzata alla salvaguardia del monumento. Una sorta di 'blindatura' del bene che nelle settimane scorse era finito al centro della cronaca cittadina e non per la proposta, contenuta nel programma di mandato del sindaco di Pisa, Michele Conti, di smontarne e rimontarne un pezzo per consentire il passaggio della tangenziale Nord-est.

La proposta: "Abbattiamone un pezzo per farci passare la tangenziale"

"Il monumento - scrive la soprintendenza - è un importante esempio di architettura idraulica di epoca medicea in Toscana. Esso inoltre rappresenta una traccia caratterizzante il paesaggio pisano, una sorta di 'monumento territoriale' che deve essere preservato nella sua continuità e dislocazione insieme agli edifici che ne costituiscono l’origine, la conclusione, le strutture di servizio, i sistemi di convogliamento idrico sparsi per la campagna fra Asciano e Pisa".

Al momento sono già tutelate alcune porzioni dell'acquedotto e la casa del fontaniere. In questo modo si è però avviato il riconoscimento di interesse culturale per vincolare ulteriormente il monumento. "Si tratta di un ottimo risultato per il patrimonio culturale italiano - afferma l'associazione Gruppo d’intervento giuridico - raggiunto anche grazie alla specifica istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione provvedimenti inoltrata dalla nostra associazione riguardo l’incredibile quanto assurdo progetto del Comune di Pisa. Auspichiamo - conclude l'associazione - che il provvedimento di tutela dell’intero imponente monumento costituisca il primo passo per il suo restauro e la sua corretta valorizzazione. Un sicuro ulteriore richiamo anche sul piano turistico per la splendida città di Pisa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto travolge tavoli e clienti di una pizzeria in via dell'Aeroporto

  • Coronavirus e sovraffollamento, nuova ordinanza: positivi inviati in albergo

  • Meteo, il gran caldo ha i giorni contati: torna il maltempo

  • Cede controsoffitto all'interno dell'ospedale Cisanello

  • Coronavirus in Toscana: 5 nuovi casi, di cui 2 a Pisa

  • Coronavirus in Toscana: 4 nuovi casi, di cui 2 a Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento