Lunedì, 21 Giugno 2021
Cronaca

Aeroporti, Pisa e Firenze promossi a pieni voti: la Toscana è in 'serie A'

Dopo il piano di indirizzo del precedente ministro dei Trasporti Passera, che aveva retrocesso il sistema aeroportuale toscano, il ministro Lupi ha inserito l'asse Pisa-Firenze tra gli undici scali strategici a livello nazionale

"La Toscana torna in serie A. Il piano nazionale degli aeroporti presentato oggi dal ministro Lupi premia le scelte fatte dalla Regione per favorire la creazione della holding tra gli aeroporti di Pisa e Firenze e il loro potenziamento". E' l'assessore regionale alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli a commentare subito l'inserimento del polo aeroportuale toscano composto dal 'Galilei' di Pisa e dal 'Vespucci' di Firenze tra gli scali strategici di livello nazionale. "Ora - continua Ceccarelli - è necessario andare avanti su questa strada, proseguire con le scelte avviate e perfezionarle".

Dunque si va verso l'unione tra Pisa e Firenze, con il sistema aeroportuale toscano che viene promosso dal ministro Lupi, dopo il rischio di un declassamento ventilato dal precedente ministro dei Trasporti Corrado Passera. Sono undici gli aeroporti strategici e ulteriori 26 gli scali di interesse nazionale. Per individuare gli scali strategici, il territorio nazionale è stato ripartito in 10 bacini di traffico e per ciascuno è stato identificato un aeroporto strategico, con l'eccezione del Centro-Nord, dove ce ne sono due (Bologna e Pisa/Firenze).

I bacini sono Nord-Ovest, Nord-Est, Centro-Nord, Centro Italia, Campania, Mediterraneo/Adriatico, Calabria, Sicilia orientale, Sicilia occidentale e Sardegna. I relativi scali strategici sono: Milano Malpensa, Venezia, Bologna e Pisa-Firenze, Roma Fiumicino, Napoli, Bari, Lamezia, Catania, Palermo e Cagliari.

SINDACO. “Essere classificati quale scalo strategico era il nostro obiettivo e dà fondamentali potenzialità di sviluppo e di concorso alle politiche dell’Unione Europea. La proposta del ministro Lupi è coerente con il lavoro fatto negli ultimi mesi e incoraggia a proseguire sulla strada dell’integrazione, per un polo aeroportuale toscano. In generale per la Toscana è strategico il rapporto di Firenze e la città metropolitana che si sta costituendo con Pisa e l’area vasta costiera. Di certo l’offerta aeroportuale segnerà il futuro della regione e delle nostre città”. Così il sindaco di Pisa Marco Filippeschi, presidente del patto di sindacato dei soci che governa la SAT SpA, commenta il piano presentato dal Ministro Lupi al Consiglio dei Ministri. “L’aeroporto 'Galileo Galilei' è centrale nella strategia d’integrazione per le sue qualità  - sottolinea Filippeschi - per gli investimenti in corso, che hanno una dimensione eccezionale e che sono fatti in autofinanziamento, e per la qualità del suo management. Tutto quanto ha consentito una crescita anche in tempi difficili e una capacità di proiezione futura che per realizzarsi appieno avrà bisogno di essere inserita in una pianificazione nazionale ed europea. Questo si può fare solo con lo sviluppo correlato e non concorrenziale dei due aeroporti toscani. La proposta del Ministro Lupi lo riafferma con chiarezza”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aeroporti, Pisa e Firenze promossi a pieni voti: la Toscana è in 'serie A'

PisaToday è in caricamento