Cronaca San Giusto / Via dell'Aeroporto

Aeroporti Pisa-Firenze, la Cisl: "Si lavori per l'unificazione"

Il segretario generale Ciro Recce chiede la creazione di un sistema aeroportuale integrato, visto che il mantenimento di due scali così vicini tra di loro genera un aumento delle spese di gestione

La diatriba Pisa-Firenze sulla questione aeroporto sembra non avere mai fine. Sulla vicenda interviene il segretario generale aggiunto della Cisl Toscana Ciro Recce che sottolinea l'importanza di "unificare i due scali per mettere fine a una ormai inconcepibile concorrenza campanilistica, che porta a duplicazioni e sprechi, e dare finalmente alla Toscana un sistema aeroportuale integrato degno di tale nome".

"In questo clima di tagli agli sprechi e di spending review - afferma Recce - mantenere in Toscana due aeroporti a meno di 100 km di distanza che duplicano le spese di gestione, promozione e dirigenza, e che, invece di collaborare, si fanno concorrenza e si guardano in cagnesco, è un'anomalia macroscopica. Un'anomalia che non ha ragione di esistere, a meno che non si pensi di vivere ancora nella Toscana del 1400 o non si vogliano, magari, salvaguardare potentati locali o rendite elettorali".


"La Regione - conclude il segretario Cisl - che è presente in entrambe le compagini azionarie delle società che gestiscono i due scali, eserciti a pieno il suo ruolo economico e politico di indirizzo e favorisca un reale processo di unificazione dell'aeroporto 'Vespucci' di Firenze e del 'Galilei' di Pisa".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aeroporti Pisa-Firenze, la Cisl: "Si lavori per l'unificazione"

PisaToday è in caricamento