Agenzia delle Entrate, i sindacati: "A rischio chiusura Pontedera, San Miniato e Volterra"

Annunciata una nuova mobilitazione per le carenze di organico

Sono tanti in Toscana gli sportelli dell'Agenzia delle Entrate che rischiano di chiudere ed i sindacati annoverano fra questi le sedi di Pontedera, San Miniato e Volterra in provincia di Pisa. I lavoratori e i sindacati Fp Cgil, Cisl Fp, UilPa, Unsa e Flp dell'Agenzia delle Entrate, dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, proseguono la mobilitazione a livello nazionale dopo le assemblee dello scorso 23 gennaio. Giovedì 6 febbraio scenderanno in piazza a Firenze per un corteo che si chiuderà con un'assemblea/sit-in davanti alla Prefettura.

I sindacati ribadiscono la denuncia di carenze di organico: in Toscana tre anni fa erano 2.400 i dipendenti del settore, quest'anno scenderanno sotto i 1.900. A rischio chiusura sono una 20ina i distaccamenti sul territorio regionale, tre dei quali in provincia di Pisa. "Nel 2020 - spiegano i sindacati - andranno in pensione in Toscana oltre 170 persone e dato che l’organico oggi è di circa 2000 persone si rischia di andare sotto i 1.900, record storico negativo. Così si avvicina il blocco dell’attività dell’agenzia con danno per i risultati da raggiungere per la lotta all’evasione fiscale. Meno soldi dalla lotta all’evasione fiscale, meno servizi per il cittadino".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Attraverso la Prefettura i sindacati domani chiederanno al Governo "il superamento delle carenze organiche e un piano assunzionale corposo per svolgere a pieno l'attività istituzionali di contrasto all'evasione fiscale altrimenti fortemente limitata; lo stop alla progressiva chiusura degli uffici, in particolare quelli sub provinciali; lo sblocco del salario di produttività, con la contemporanea necessità di avere senza tagli le risorse legate al raggiungimento degli obiettivi delle agenzie; la definitiva soluzione delle problematiche legate al modello organizzativo, compreso quelle relative al finanziamento e ai criteri di selezione del personale per l’assegnazione delle posizioni organizzative e degli incarichi di responsabilità. Se non arriveranno risposte dal Governo, la mobilitazione sindacale si intensificherà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, approvato il decreto scuola: ecco cosa cambia

  • Coronavirus, l'emergenza ferma il Giugno Pisano: saltano Luminara, Gioco del Ponte e Palio

  • In Toscana scatta l'obbligo delle mascherine: chi deve indossarle e in quali occasioni

  • Emergenza Coronavirus: distribuzione di mascherine a domicilio per i cittadini pisani

  • Lutto nella sezione Aia di Pisa: muore a 41 anni Gennaro D'Archi

  • Coronavirus, i balneari pisani attendono con fiducia la bella stagione

Torna su
PisaToday è in caricamento