Cronaca

Comune di Volterra: previste agevolazioni al pagamento della Tasi

La legge di stabilità 2014 ha abolito l'Imu e introdotto la Tasi, la Tassa sui Servizi Indivisibili. Fissata l'aliquota al 2,9 per mille, il Comune di Volterra ha previsto degli sgravi al tributo fino a 140 euro. L'acconto si paga entro il 16 giugno

I termini per il versamento dell’acconto della Tasi (Tassa sui servizi indivisibili) scadono il prossimo 16 giugno. Il presupposto impositivo è il possesso o la detenzione, a qualsiasi titolo, di fabbricati, compresa l'abitazione principale, e di aree edificabili, con esclusione dei terreni agricoli. Il Comune di Volterra per l’anno 2014 ha fissato un’aliquota del 2,9 per mille sulle abitazioni principali e le relative pertinenze e un’aliquota pari a 0,00 per mille su tutti gli altri fabbricati ed aree edificabili.

Nel Comune di Volterra la Tasi è quindi dovuta sugli immobili utilizzati come abitazione principale e sulle relative pertinenze, mentre non è dovuta su tutte le altre fattispecie (abitazioni affittate o sfitte, negozi, capannoni industriali, alberghi, aree edificabili ecc.) per le quali però è ancora dovuto il pagamento dell’Imu. "L’obiettivo della nostra manovra – spiega il sindaco Marco Buselli – è quello di non voler far pesare una nuova tassa sulle attività produttive e allo stesso tempo rendere più equa la tassazione sulla casa attraverso possibilità di agevolazioni".

Ecco quindi le agevolazioni. Dal tributo dovuto andrà sottratta, se spettante, una delle seguenti detrazioni quantificate in base alla rendita catastale dell’abitazione: abitazione principale con rendita inferiore a 300 euro, detrazione di 140 euro; abitazione principale con rendita compresa tra 300 e 500 euro, detrazione di 70 euro; abitazione principale con rendita superiore a 500 euro, nessuna detrazione.

Oltre a queste misure sono state previste altre detrazioni aggiuntive in base alle caratteristiche dei nuclei familiari residenti: 100 euro di detrazione sull’abitazione occupata da soggetti che in base alle risultanze anagrafiche presentano nel proprio nucleo familiare uno o più soggetti portatori di handicap, certificati ai sensi della legge n. 104/92; 100 euro sull’abitazione occupata da soggetti che presentano un reddito ISEE per l’anno precedente inferiore a euro 15.000,00; 50 euro per ogni figlio oltre il secondo a favore dei nuclei familiari che comprendono al proprio interno tre o più figli di età inferiore a 26 anni. Il possesso dei requisiti necessari per l’applicazione delle detrazioni dovrà essere comunicato dal contribuente entro il 30 giugno 2015.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune di Volterra: previste agevolazioni al pagamento della Tasi

PisaToday è in caricamento