Cronaca

Tassista aggredito, la CNA: "Grazie alle forze dell'ordine, siamo disponibili a collaborare"

Dopo l'identificazione e la cattura dei quattro giovani, la CNA ringrazia le forze dell'ordine per la velocità con cui sono arrivate alla risoluzione del caso e offre la propria disponibilità per lavorare sulla prevenzione di questo genere di crimini

Un sentito ringraziamento alle forze dell’ordine da parte della CNA per aver fermato gli aggressori del tassista pisano, Franco Tinagli. Ieri infatti la Questura di Pisa ha reso noto di essere riuscita ad identificare e fermare anche gli altri due giovani (mentre la ragazza è stata denunciata a piede libero) che, insieme al primo ragazzo già precedentemente identificato, si sono rese responsabili della rapina al tassista.

“Ringraziamo per l’efficacia dell’azione investigativa guidata dalla Questura e dal dottor Gianfranco Bernabei - commenta Maurizio Bandecchi, coordinatore dei tassisti CNA Pisa - e per la rapidità con cui è stato chiuso il caso”.

Una rapidità con cui di fatto erano già stati affrontati episodi precedenti che avevano visto coinvolti anche alcuni tassisti, come il caso del ladro che agiva nella zona di Prato e Firenze, catturato grazie alle segnalazioni avvenute a Pisa, e ad altre aggressioni avvenute negli anni passati.

“Anche questa volta l’efficacia dell’azione investigativa si è dimostrata nella velocità con cui si è proceduto a fermare i colpevoli - commenta Claudio Sbrana, presidente della Cotapi - la migliore risposta che i tassisti, come tutti gli altri operatori costretti a lavorare di notte, si potevano aspettare dalle forze dell’ordine”.

“Le categorie della nostra associazione - continua Maurizio Bandecchi - sono disponibili a collaborare in modo ancora più continuo e sistematico con le forze dell’ordine per aumentare l’azione di prevenzione, al di là dell’efficacia ampiamente dimostrata sul fronte investigativo per la risoluzione del caso".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tassista aggredito, la CNA: "Grazie alle forze dell'ordine, siamo disponibili a collaborare"

PisaToday è in caricamento