Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

Alcoldipendenza, l'11,4% è donna: da oggi è più facile uscire dal tunnel

Durante una conferenza che si è svolta a Pisa, è stata presentata una nuova soluzione terapeutica, Nalmefene, da poco disponibile in Italia, che consente di ridurre gradualmente il consumo di alcol e di guarire da quella che è una vera e propria malattia

L'alcoldipendenza non è un vizio ma una vera e propria malattia che, in Toscana, interessa l'11,4% delle donne e l'8,5% degli uomini con conseguenze gravi. Ma sceglie di curarsi meno del 7% di chi dovrebbe, anche per la difficoltà ad accettare terapie basate sull'astensione immediata e totale dall'alcol. Oggi però è ipotizzabile un cambiamento, come è emerso dal simposio che si è svolto a Pisa alla presenza di alcuni dei più autorevoli Esperti toscani  e italiani dell'argomento, grazie a un approccio più realistico e accettabile, basato su una nuova soluzione terapeutica, Nalmefene, che permette di ridurre il consumo di alcol per arrivare gradualmente all'obiettivo finale dell'astensione. Questo approccio può rappresentare una importante opportunità terapeutica per quello che, tanto a livello italiano che regionale, continua a essere un problema di sanità pubblica.

Negli ultimi quindici anni si è assistito a un notevole incremento del fenomeno dell'alcoldipendenza che ha visto quintuplicarsi in Toscana i pazienti presi in cura dalle équipe alcologiche (da 1.240 nel 1997 a 5.376 nel 2012), un dato confermato dall'osservatorio privilegiato della Clinica Psichiatrica di Pisa (che cura per l'80% pazienti provenienti da altre Regioni). "Nella nostra Clinica si registra una diffusione del problema a fasce di età sempre più giovani, che ignorano gli effetti neurotossici che l'alcol ha sul cervello, effetti che sono ancora più gravi se si pensa che il cervello dell'adolescente e del giovane adulto è ancora in pieno sviluppo, - sottolinea la Prof. Liliana Dell'Osso, organizzatrice del congresso e direttore della Clinica Psichiatrica dell'Università di Pisa - a ciò si devono aggiungere le persone che ricorrono all'alcol con la speranza di risolvere altri problemi quali l'ansia, la timidezza, la depressione. Il nostro ruolo consiste nel far capire che l'alcol non è mai una soluzione ma al contrario aggrava il quadro generale del paziente".

Il primo passo è far capire che, contrariamente a quanto si pensa, il disturbo da uso di alcol non è un vizio o uno stile di vita che una persona sceglie volontariamente. Si tratta invece di una vera e propria malattia influenzata o spesso indotta da altri problemi o disturbi.

Vi sono però ragioni più rilevanti che contribuiscono a mantenere l'alcoldipendenza un problema non trattato. Vi è, innanzitutto, l'incapacità della persona di ammettere di aver bisogno di aiuto o di riconoscere la sua condizione come rischiosa o dannosa. Un'incapacità che porta l'individuo a non chiedere aiuto a chi potrebbe fornirglielo, evitando così di risolvere il problema. "Ma vi è anche un'altra importante ragione all'origine del mancato trattamento dell'alcoldipendenza - ricorda il Prof. Icro Maremmani, professore di Medicina delle Farmacotossicodipendenze all'Università di Pisa - fino a ieri, la soluzione che veniva prospettata era esclusivamente l'astensione immediata e totale dall'alcol. Un obiettivo non per tutti raggiungibile, tanto che non pochi pazienti o evitano di affrontare il percorso di cura o, se lo iniziano, frequentemente riprendono a bere (2/3 dei pazienti trattati per l'astensione ricadono nei primi 12 mesi)".

Oggi però l'approccio ai problemi con l'alcol può cambiare grazie ad una nuova soluzione terapeutica, Nalmefene, da poco disponibile in Italia e indicata per la riduzione del consumo di alcol in pazienti con alcoldipendenza che hanno un consumo ad elevato rischio. L'opportunità offerta da Nalmefene è quella di passare da un approccio basato sull'astensione totale, obiettivo non raggiungibile per molti pazienti e ostacolo a cominciare e mantenere il trattamento, ad un nuovo approccio basato sulla riduzione del consumo, che può rappresentare una tappa intermedia verso la completa astensione. In questo senso, la nuova terapia, integrata da supporto psicosociale, può offrire un obiettivo più realistico da raggiungere rispetto all'astensione e può quindi motivare un numero maggiore di pazienti a iniziare e mantenere il percorso di cura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alcoldipendenza, l'11,4% è donna: da oggi è più facile uscire dal tunnel

PisaToday è in caricamento