Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Solidarietà a San Giuliano: gli alunni del Niccolini regalano 6 PC ai 'colleghi' terremotati

I giovani studenti dell'istituto comprensivo hanno raccolto 1.800 euro con cui hanno acquistato le strumentazioni inviate ad Arquata, Amatrice e Accumuli

Gli alunni delle scuole primarie 'Mameli' di Mezzana, 'Morroni' di La Fontina e di quelle dell'infanzia di Campo e Ghezzano, facenti parte del comprensorio 'G. B. Niccolini' di San Giuliano Terme, hanno donato ai bambini delle scuole di Arquata, Amatrice e Accumuli 6 PC con relativa borsa.

Prima delle vacanze sono state fatte delle raccolte fondi da devolvere alle popolazioni colpite dal terremoto, coinvolgendo proprio i piccoli studenti che hanno realizzato dei manufatti natalizi. L'iniziativa è stata coordinata da Giacomo Plaia, rappresentate della scuola primaria di Mezzana nel consiglio di Istituto e attivo sul sociale con la sua associazione 'Amici dell'Elfo'. Grazie al suo contatto con la professoressa Onofrio, che si sta occupando della ricostruzione didattica delle scuole del Lazio colpite dal sisma, è nata l'idea di comprare le strumentazioni informatiche. Il successo è stato evidente: raccolti 1.800 euro.

Anche le altre scuole dell'Istituto Comprensivo si sono attivate con mercatini di solidarietà e a breve saranno in grado di devolvere altre risorse alle scuole delle zone colpite dal terremoto. L'assessore di San Giuliano Sonia Pieraccioni ha espresso i ringraziamenti "alle insegnanti, che hanno gestito l'iniziativa, a tutti i rappresentanti di classe che l'hanno pubblicizzato ed hanno informato tutti i genitori con messaggi e mail, ai bambini e ai loro genitori che hanno capito il senso della proposta e il valore della solidarietà. Un ringraziamento particolare va anche alla ditta EFFEGI di Ospedaletto per l'ottimo trattamento ricevuto sull'acquisto dei PC".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Solidarietà a San Giuliano: gli alunni del Niccolini regalano 6 PC ai 'colleghi' terremotati

PisaToday è in caricamento