Litorale, i mari di Pisa promossi da Goletta Verde

La storica campagna di Legambiente ha terminato il suo viaggio in Toscana per monitorare e difendere il mare e la costa. Dopo 30 tappe e oltre 200 campioni d'acqua analizzati giovedì sono stati presentati i risultati: nessuna criticità per i mari pisani

I mari di Pisa promossi da Goletta Verde. La storica campagna di Legambiente ha infatti terminato il suo viaggio in Toscana per monitorare e difendere il mare e la costa: dopo 30 tappe e oltre 200 campioni d’acqua sono stati presentati ieri, nel corso di una conferenza stampa che si è svolta a Marina di Pisa, i risultati del monitoraggio eseguito dai tecnici di Goletta Verde lungo le coste toscane.

“Il nostro monitoraggio - ha dichiarato Katiuscia Eroe, portavoce di Goletta Verde - punta a scovare le criticità ancora presenti nei sistemi depurativi regionali che mettono a rischio la balneabilità dei nostri mari, ma anche lo sviluppo economico locale dei nostri territori. In Italia, secondo le ultime stime dell’Istat e del Governo, tre italiani su dieci non sono ancora allacciati a fognature o a depuratori e il 40% dei nostri fiumi risultano gravemente inquinati".

"Sono passati dieci anni - ha proseguito la portavoce di Goletta Verde - dal termine ultimo che l’Unione Europea ci aveva imposto per mettere a norma i sistemi fognari e depurativi, ma piuttosto di agire non abbiamo fatto altro che collezionare multe. La strada da seguire è chiara: il turismo deve diventare uno strumento di rilancio per il nostro Paese e in particolare per la Toscana, da sempre attenta alle questioni ambientali. Per fare questo è però necessario che situazioni come quelle riscontrate dai nostri tecnici si risolvano al più presto per non compromettere territori di pregio come quelli presenti in questa regione"

LE ANALISI DI GOLETTA VERDE. I prelievi e le analisi di Goletta Verde sono stati eseguiti dal laboratorio mobile di Legambiente il 4 e 5 agosto scorso. I parametri indagati sono microbiologici (enterococchi intestinali, Escherichia coli) e sono stati considerati come 'inquinanti' i risultati che superano i valori limite previsti dalla normativa sulle acque di balneazione vigente, e 'fortemente inquinanti' quelli che superano più del doppio di questi valori.

I MARI DI PISA. Le analisi hanno promosso i mari pisani. I campionamenti eseguiti a Pisa sono stati due ed entrambi senza criticità da segnalare: alla foce del fiume Arno a Marina di Pisa e alla foce del canale Scolmatore, a Calambrone.

LA SITUAZIONE TOSCANA. E' un quadro complessivamente positivo quello che emerge dai monitoraggi dei tecnici di Goletta Verde in Toscana, ma che continua a evidenziare situazioni di criticità in particolare in Versilia e nell’area nord della regione oltre che in due punti all’isola d’Elba. Sui ventidue punti monitorati lungo le coste toscane, sette presentano cariche batteriche elevate e per cinque di questi il giudizio è di fortemente inquinato.

Nel mirino ancora una volta foci di fiumi, canali e torrenti che continuano a immettere in mare sostanze inquinanti, con gravi rischi non soltanto per l’ecosistema marino ma anche per la stessa salute dei bagnanti. Legambiente chiede quindi alla Regione Toscana e agli enti territoriali interessati di verificare le criticità emerse e risolvere al più presto il deficit depurativo ancora presente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investita dal treno alla stazione di Firenze Rifredi: morta 21enne di Pontedera

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Cucina: undici ristoranti pisani nella guida 'L'Espresso'

  • Lutto all'Università: è morto il professor Berardo Cori

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

  • 'L'Amica geniale' saluta Pisa: terminate le riprese della fiction Rai

Torna su
PisaToday è in caricamento