Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca

Anche uno studente dell'Università di Pisa nel team di Mindebug

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Si chiama Mindebug, ed è il nuovo social cultural network dedicato a tutti gli studenti. L'idea, nata da un gruppo di ragazzi, laureandi e laureati, di tutta Italia, punta a rivoluzionare il modo di studiare e discutere: in Mindebug sono infatti contenuti forum, blog e gruppi specifici dove gli iscritti possono caricare documenti come testi d'esame, esercizi o argomenti di discussione. Il social, appena creato, vanta già numerose iscrizioni e prevede l'adesione anche di aziende. In questo modo, oltre a collaborare tra loro, gli studenti potranno conoscere varie imprese ed entrare in contatto con il mondo del lavoro. Mindebug vuole essere un mezzo e non un social fine a sé stesso. Tramite il suo utilizzo sarà possibile rimanere aggiornati a proposito dei più importanti eventi culturali, ma anche dei meno pubblicizzati. Inoltre gli utenti potranno interagire con tutti gli iscritti attraverso il proprio progetto.
Del gruppo di studenti ideatori di Mindebug è presente anche Sergio Mangiavacchi, lucchese di nascita e studente di ingegneria civile all'università di Pisa.

''Per me è un onore collaborare con ragazzi di questo livello per portare avanti un progetto al quale credo" afferma Mangiavacchi "Sono sicuro che con il tempo Mindebug possa trovare la sua giusta caratura e che gli studenti possano capire l'utilità per la quale esso è stato creato. Siamo soddisfatti di questo primo mese ma siamo anche consapevoli che sono tante le caratteristiche da migliorare. Gli obiettivi sono fissati e passo dopo passo li raggiungeremo per garantire un ottimo comfort di navigazione all'interno del social e per aumentare il numero di funzioni disponibili"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche uno studente dell'Università di Pisa nel team di Mindebug

PisaToday è in caricamento