Venerdì, 12 Luglio 2024
Cronaca

Al lavoro in bici: il Comune chiede una copertura assicurativa

Il Comune aderisce alla proposta di Fiab per riconoscere l'infortunio in itinere del ciclista che si reca al lavoro in bici, anche quando avrebbe potuto utilizzare il mezzo pubblico

Continua a estendersi la richiesta di una copertura assicurativa contro gli infortuni, anche per chi va  al lavoro in bicicletta. Così anche il Comune di Pisa aderisce all'iniziativa della Fiab, con una delibera della Giunta. La questione cruciale è quella dell’infortunio in itinere: per adesso  gli incidenti che possono capitare nel tragitto casa-lavoro godono di una copertura Inail, a patto che siano impossibilitati ad effettuare a piedi o con i mezzi pubblici.

"Quel tipo di copertura assicurativa - spiega l’assessore comunale alla Mobilità Davide Gay - lascia scoperti i ciclisti che pur avendo la possibilità di usare il mezzo pubblico preferiscono comunque la bici, in quanto mezzo salutare, ecologico e anche in grado di decongestionare il traffico urbano".

"Da qui è partita la richiesta della Fiab, a cui si è unito anche il Comune di Pisa - continua  l’assessore Gay - con la quale  chiediamo una modifica legislativa, per consentire un'assicurazione per infortunio in itinere anche nel caso di percorsi brevi o di possibile utilizzo alternativo del mezzo pubblico". 

"Ci fa tantissimo piacere che il Comune abbia aderito alla nostra richiesta - afferma il presidente della Fiab di Pisa Giacomo Lucente - Pisa è la città ideale per la bicicletta, come dimostra anche il fatto che molti cittadini la utilizzino per spostarsi fra casa e lavoro. È importante che proprio dall'amministrazione arrivino segnali di sensibilità e attenzione, forti e chiari".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al lavoro in bici: il Comune chiede una copertura assicurativa
PisaToday è in caricamento