Cronaca

Un presidio per la sicurezza, parte della storia della città: il Capar festeggia 60 anni

Venerdì 9 giugno ricorrerà il 60° anniversario della fondazione del Centro di Addestramento Paracadutismo a Pisa. Un legame con la città che va oltre l'aspetto militare

Correva l'anno 1957 ed in una tranquilla e soleggiata domenica di giugno il Colonnello Carlo Mautino, reduce di El Alamein, scese alla stazione di Pisa da un treno speciale partito da Viterbo. Insieme al battaglione di pracadutisti ai suoi ordini attraversò la città con le insegne del corpo militare, per giungere fino alla caserma intitolata al Maggiore Giampaolo Gamerra, uno dei primi caduti dell'Esercito Italiano nella guerra di liberazione dal giogo nazi-fascista.

Ebbe inizio così la storia del Centro Addestramento Paracadutisti dell'esercito (Capar) a Pisa, che venerdì 9 giugno, alle ore 10.30, festeggerà il 60° anniversario della sua fondazione.

UNA CERIMONIA PER LA CITTA'. Sin dai primi anni dalla sua apertura in città, la Caserma Gamerra si è distinta non soltanto per essere un presidio militare di eccellenza, sia nella formazione che nell'addestramento dei giovani di leva e degli ufficiali in carriera, ma anche per essere un punto di riferimento per la sicurezza, la solidarietà e la cultura del tessuto cittadino.

Ecco perché la cerimonia, che avrà luogo il prossimo venerdì presso il cortile della caserma, sarà aperta all'intera cittadinanza. "Da sempre la nostra esperienza al fianco della città è significativa - commenta il Colonnello Alessandro Borghesi - dalle calamità storiche, come l'alluvione del '66, alle manifestazioni di solidarietà e sportive. La nostra presenza nel tessuto sociale è visibile ancora oggi sia dal punto di vista della sicurezza, con l'operazione 'Strade sicure', che vigila su obiettivi sensibili come Piazza dei Miracoli e Stazione Centrale, sia nella vita quotidiana ed ordinaria".

"Oggi noi, in quanto autorità, ma anche in qualità di semplici cittadini - ha concluso il sindaco Marco Filippeschi a margine della presentazione della cerimonia - siamo testimoni di una partecipazione reale della Caserma Gamerra e del Capar alla vita quotidiana di Pisa. Il Centro di Addestramento è un vanto nella formazione dell'Esercito, così come lo è l'annuale organizzazione della 'Giornata della solidarietà' organizzata in ricordo del compianto Nicola Ciardelli.

Alla presentazione delle celebrazioni per il 60° anniversario era presente proprio la sorella del Maggiore della Brigata Folgore Nicola Ciardelli, Federica Ciardelli, presidentessa dell'associazione intitolata alla memoria del fratello. Insieme a lei anche l'assessore Marilù Chiofalo.

I festeggiamenti per il 60° anniversario del Centro di Addestramento Paracadutisti, già Centro Militare di Paracadutismo e Scuola Militare di Paracadutismo, prevedono oltre alla cerimonia istituzionale, anche una mostra fotografica, la premiazione di un concorso che ha coinvolto le scule pisane, la consegna dei brevetti e del medaglione ricordo della giornata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un presidio per la sicurezza, parte della storia della città: il Capar festeggia 60 anni

PisaToday è in caricamento