menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Antenna per la telefonia al Cep, il sindaco: "I cittadini hanno ragione, lì non ci deve stare"

Michele Conti è intervenuto al flash mob di protesta organizzato per la mattina di sabato

Erano molti i residenti del Cep, stamani 6 marzo alle 11, presenti all'incrocio fra via Vecellio e via dell'Argine, dove è stata recentemente installata un'antenna per la telefonia "senza che ci sia stata alcuna informazione al riguardo e troppo vicina alle abitazioni", lamentano gli abitanti.

All'appuntamento è intervenuto anche il sindaco di Pisa Michele Conti: "Sono andato al Cep a confrontarmi con i cittadini, com’è mio costume fare solitamente e come faccio ogni volta che c’è un problema" ha commentato su Facebook, prendendo poi posizione: "I residenti francamente hanno ragione: quell'antenna, autorizzata da un percorso squisitamente tecnico, posizionata vicino alle case e accanto all'argine del fiume, lì non ci deve stare".

Un problema quindi interno agli uffici, secondo il primo cittadino, a cui intende porre rimedio: "Di fronte alle giuste recriminazioni degli abitanti del Cep mi sono preso un impegno: verificare da lunedì mattina il percorso autorizzativo degli uffici comunali attraverso un'indagine interna per capire se ci sono le condizioni per rimuoverla. Dobbiamo anche accelerare sul piano delle antenne, fermo al 2006, per governare la materia aggiornandolo alle esigenze di oggi nell'interesse dei cittadini".

La presenza della struttura aveva già attivato alcuni consiglieri comunali. "Troviamo inaccettabile - scrive in una nota Matteo Trapani (Pd) - che l'amministrazione non abbia gestito questo processo e che faccia cadere nei vari quartieri le non scelte. Oggi la richiesta di innovazione digitale e tecnologica necessità sì di uno sviluppo, ma anche di una vera e propria pianificazione senza far sì che tutto ricada sul privato. Le amministrazioni possono così iniziare un processo di studio e analisi sia ambientale che sociale, predisporre un regolamento e un piano antenne che recepisca le istanze dei cittadini. In questi anni invece il tema del 5g è stato sottovalutato e il Comune non ha nemmeno avviato una collaborazione, come fatto invece in altre città quali Prato, con Arpat, la Regione e le Università per analizzare le varie ricadute sul territorio. Per questo abbiamo subito chiesto che si calendarizzi in commissione una discussione su questo tema e rinnoviamo l'invito sia a coinvolgere la cittadinanza sia a dotarsi di un regolamento e di un piano che tenga conto di studi effettivi e una vera pianificazione non calata sulla testa dei cittadini".

Vladimiro Basta, sempre del Pd, ha detto: "Surreale la comparsa del sindaco Conti che ha ammesso di non essere stato messo a conoscenza di questo procedimento dal Dirigente, scaricando completamente la responsabilità sulla parte tecnica e non politica. In cosa sono impegnati a Palazzo Gambacorti, da non sapere le cose che accadono in città?".

antenna cep roberto cini-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento