Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

'Pisa Book Festival', tante anticipazioni: sarà la Scozia il paese ospite dell'edizione 2015

La rassegna tornerà in scena il primo fine settimana di novembre con la tredicesima edizione. Quest'anno si terrà al Palacongressi sempre per 3 giorni di fiera. Proseguono le iscrizioni degli editori, così come le collaborazioni con eventi nazionali

Sono già in fermento i preparativi per la 13° edizione del 'Pisa Book Festival', la rassegna di libri che mette in contatto gli editori indipendenti noti e meno noti con il loro pubblico. Quest'anno la fiera torna al Palacongressi, dopo 5 anni alla Leopolda ed uno a Ospedaletto. Si terrà il primo fine settimana di novembre. Il programma culturale cresce giorno dopo giorno, fra percorsi affermati e novità proposte dagli editori che continuano ad iscriversi alla segreteria.

Ci sarà come l'anno passato un biglietto di ingresso il sabato e la domenica, mentre la giornata di venerdì è gratuita. I ragazzi sotto i 18 anni entrano sempre gratis. Il festival poi cambia il look, con una nuova grafica, fresca e giovanile, che si farà interprete dello spirito indipendente e green della manifestazione. Il secondo appuntamento italiano riservato all’editoria indipendente (dopo Roma) si avvale dei preziosi contributi di Comune di Pisa, Fondazione Pisa e Fondazione Palazzo Blu; la segreteria organizzativa resta alla Società Evinco, mentre l’allestimento della mostra è affidato alla società Europroget.

LA FIERA. Protagonista di quest'anno sarà la Scozia. La delegazione del paese ospite sarà guidata dal direttore del famoso Edinburgh International Book Festival Nick Barley. Insieme a lui sono stati scelti gli autori molto noti in terra scozzese, i cui lavori magari ancora non sono arrivati in Italia. E' il caso della giovane Kirsty Logan, autrice di una fiaba per adulti 'The Gracekeepers', che sta riscuotendo un enorme successo. Oppure Donald Murray, che nel libro 'The Italian Chapel' racconta la storia dei prigionieri italiani nell’isola di Orkney durante la seconda guerra mondiale.

Poi Ewan Morrison, Jenni Fagan, James Robertson e William McIllvanney, già affermati ed apprezzati nel Belpaese. Quest'ultimo è colui che ha inventato il Tartan Noir, il giallo in stile scozzese, con la trilogia che ha come protagonista il detective Laidlaw.

Sono previste collaborazioni con la rassegna 'Leggendo metropolitano', con la presenza di tre scrittori sardi, e con 'Trame', il festival di libri sulle mafie. A novembre 'Trame' porterà a Pisa tre incontri sulla legalità e 'Leggendo Metropolitano' farà conoscere al pubblico pisano tre scrittori che raccontano Cagliari. La collaborazione tra i tre festival è nata dalla rete delle 'Città del Libro', creata del Ministero delle attività culturali proprio allo scopo di creare collaborazioni tra festival che condividano le stesse finalità e di cui fanno parte 70 città italiane.

Prosegue anche il rapporto privilegiato con le scuole e il progetto 'Io leggo in biblioteca', che ha coinvolto gli scrittori Marco Santagata, Alessandro Mari, Marco Vichi, Fouad Laroui, Gianluca Favetto, Anthony Cartwright, Federico Appel e Tommaso Percivale. Sono nomi importanti che saranno ospiti del festival e dialogheranno con i ragazzi. I libri del progetto sono stati acquistati dal Pisa Book Festival e fanno ora parte del patrimonio librario delle biblioteche delle scuole che si sono registrate.

Sarà presentata una nuova collaborazione internazionale del festival dedicata ai giovani scrittori, editori e traduttori di quattro paesi: l’Italia, la Spagna, il Portogallo e l’Olanda. Si tratta del progetto 'Wintertuin', ideato e diretto da una squadra di giovani operatori culturali olandesi, che lanciano a Pisa il libro lento. Il progetto ha il sostegno dell’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi e coinvolge anche la Scuola Holden di Torino.

Poi incontri con professionisti per traduttori, piccoli editori, e tanti incontri con gli autori, specie per presentare in anteprima le novità da lanciare sul mercato. Da segnalare che un pezzettino di programma rientra nella Gigantesca Follia del Teatro Verdi di Pisa, un festival dedicato quest’anno al mito di Faust: in onore della Scozia Marcello Fois e James Robertson leggeranno brani di Dr. Jekill e M. Hyde.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Pisa Book Festival', tante anticipazioni: sarà la Scozia il paese ospite dell'edizione 2015

PisaToday è in caricamento