Cronaca Porta Nuova / Piazza Daniele Manin

Passeggiata sulle Mura: presto il via libera alle visite 'ad alta quota'

In attesa della fine dei lavori di restauro e del bando che dovrà individuare il soggetto gestore di tutto il percorso, sarà l'associazione Amur ad assicurare, a titolo gratuito e mediante attività di volontariato, la fruizione del tratto attualmente già visitabile

Le mura saranno presto visitabili, quanto meno nella porzione di camminamento che va da Piazza Manin fino al tratto di fronte al Camposanto monumentale, quella già completata e non interessata dalla questione del rispetto della privacy nei confronti delle abitazioni confinanti con la storica recinzione difensiva della città. Lo ha annunciato il sindaco di Pisa Marco Filippeschi intervenendo ieri sera (venerdi 18 luglio) a 'Le mura e la luna', la cena conviviale ospitata nel giardino del ristorante 'Il Turista' e organizzata dall'associazione Amur, il sodalizio nato nel febbraio di un anno fa allo scopo di tutelare e far conoscere la cinta muraria, quando ha consegnato, simbolicamente, al presidente Luperini il testo della convenzione fra l'amministrazione comunale e Amur “per la valorizzazione e fruizione pubblica delle mura di Pisa” nel tratto fra la Piazza Manin, la Torre di Santa Maria e il tratto prospicente il Camposanto monumentale” come recita il titolo del documento approvato con delibera della Giunta Comunale di martedi scorso.

"La firmereremo presto - ha assicurato il primo cittadino - in modo da consentirgli di svolgere pienamente i suoi effetti e vi ringraziamo fin da ora per la vostra disponibilità, totalmente gratuita e a titolo di puro volontariato, che ci consentirà di rendere fruibile e visitabile la porzione di camminamento già completato, venendo incontro alle grandi attese di cittadini e turisti che abbiamo avuto modo di verificare anche in occasione delle aperture straordinarie dell'anno scorso. In attesa, ovviamente, della conclusione dei lavori restauro su cui presto, magari già in occasione della firma della convenzione, comunicheremo le scadenze precise, e della gara che individuerà il soggetto gestore di tutto il camminamento".

Nel dettaglio, con la convenzione che scadrà a fine anno ma con possibilità di proroga sino al 30 giugno 2015, l'amministrazione comunale affida ad Amur la “pulizia e la piccola manutenzione dell'ingresso alla Torre di Santa Maria e alle scale di accesso e del camminamento attualmente visitabile e la predisposizione di materiale informativo telematico da collocare lungo il percorso accessibile” ma anche “l'organizzazione, previa prenotazione, di visite gratuite da parte di gruppi di cittadini, turisti e scuole” e quella “di aperture periodiche, anche legate a eventi quali manifestazioni storiche, concordate con l'amministrazione comunale'', tutte attività che l'associazione svolgerà senza ricevere alcun compenso e a titolo gratuito, attraverso iniziative di volontariato. "E' inteso, ed esplicitato anche nella delibera approvata - ha concluso il primo cittadino - che, qualora pervenissero altre richieste da parte di altre associazioni disponibili a sottoscrivere un ulteriore convenzione di contenuto analogo, queste possano affiancarsi all'impegno dell'Associazione Amur".

La serata, però, è stata anche l'occasione per fare il punto sugli imminenti lavori di restauro del tetto della Chiesa della Spina, il capolavoro del gotico pisano a cui è dedicato 'Trine di marmo', l'ultima fatica di Mariagiulia Burresi edita da Ets e presentata proprio in occasione della conviviale di Amur. "I lavori, dell'importo complessivo di circa 200mila euro, sono stati finanziati grazie alla variazione di bilancio di giugno - ha sottolineato l'assessore comunale ai Lavori Pubblici Andrea Serfogli - nel mese di agosto saranno allestiti i ponteggi che permetteranno di osservare da vicino il tetto e, oltre ad effettuare gli interventi di riparazione più urgenti, anche di delineare il progetto di recupero vero e proprio che, contiamo di concludere, entro la prossima primavera. Dopodichè ci dedicheremo alla pulizia dei paramenti murari e al restauro del cassettonato ligneo del soffitto".

"Per tutto il mese di giugno e luglio - ha sottolineato l'assessore comunale alla Cultura Dario Danti - la chiesa è stata aperta tutti i giorni, eccezion fatta per il lunedi, dalle 17 alle 20, in abbinamento con la bellissima mostra dei fili a piombo storici dell'ingegner Chetoni, una decisione decisamente apprezzata dai visitatori che ha confermato, ammesso ve ne fosse bisogno, la necessità di tenerla il più possibile aperta e visitabile. Per questo, a lavori conclusi, faremo un bando per affidarne la gestione, magari prevedendo un piccolo biglietto d'ingresso per coprire le spese del personale necessario ad assicurarne un'apertura prolungata".

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Passeggiata sulle Mura: presto il via libera alle visite 'ad alta quota'

PisaToday è in caricamento