Piazza dei Miracoli riapre tra accessi limitati e sanificazione: tutte le misure anti-Covid

Sabato 30 maggio terminerà il periodo di chiusura iniziato lo scorso 8 marzo. Predisposti protocolli anticontagio e misure di sicurezza in tutti i siti della Piazza

Lo scrigno dei tesori si riapre. I 'Miracoli' pisani, dopo la chiusura inaspettata e repentina dello scorso 8 marzo, tornano a mostrare tutto il loro splendore al mondo intero. Sabato 30 maggio, alle ore 10, i monumenti e i musei di Piazza dei Miracoli accoglieranno nuovamente i visitatori provenienti, in un primo momento, esclusivamente dalla Toscana. Dal 3 giugno, auspicabilmente, anche dal resto del Paese e dall'estero. "Questa data è paragonabile al 15 dicembre 2001, quando terminarono i lavori di consolidamento e potemmo così riaprire al pubblico la nostra amata Torre" afferma Pierfrancesco Pacini, presidente dell'Opera della Primaziale Pisana. "All'epoca la chiusura si protrasse dal 7 gennaio 1990 per undici lunghi anni - prosegue - ma nell'immaginario collettivo il lockdown che abbiamo appena vissuto ha lasciato un segno molto più profondo".

La Primaziale intende, con la riapertura di tutti i siti della Piazza, dare un segnale di fiducia e speranza nel futuro. "Dostoevskij scrisse che 'la bellezza salverà il mondo' - sottolinea Pacini - questo motto è attinente ai tempi che stiamo vivendo. Con coraggio e coesione dobbiamo tornare a camminare e sperare nel futuro". Nel corso degli anni Piazza dei Miracoli è arrivata ad ospitare decine di milioni di visitatori: nel 2019 il contatore si è fermato a quota 3 milioni e mezzo. "Siamo consapevoli che il 2020, sotto questo punto di vista, ormai è un anno bruciato. Ma la riapertura non è tanto per le nostre casse, quanto per l'importanza che questo luogo ha per Pisa, l'Italia e il mondo intero. Il deficit di bilancio quest'anno si aggirerà attorno ai 9.5 milioni di euro, ma all'interno dell'Opera riteniamo che sia doveroso riaprire".

Dal 30 maggio, tutti i giorni dalle 10 alle 17, i monumenti e i musei della Piazza potranno accogliere i visitatori: l'unico sito che per qualche tempo rimarrà ancora chiuso, in attesa di terminare tutti gli adeguamenti ai protocolli di sicurezza, è il Museo delle Sinopie. Lo spiegamento di forze e di investimenti per rispettare le linee guida e le disposizioni anticontagio sarà ingente: gel sanificante all'ingresso di ciascun museo o monumento, operatori che vigileranno sul rispetto del distanziamento interpersonale di un metro e sul corretto utilizzo della mascherina, contingentamento degli ingressi tarato per ciascun sito. La Torre potrà essere visitata da un gruppo di 15 persone per volta (non 40 come accadeva fino allo scorso febbraio), che saranno monitorate lungo la scala elicoidale da un sistema di sensori che emetteranno un segnale sonoro e luminoso in caso di mancato rispetto della distanza.

riapertura piazza dei miracoli 30 maggio 2020-2

Nel Duomo potranno essere presenti fino a 150 persone contemporaneamente, ad esclusione delle funzioni religiose, quando l'ingresso ai turisti sarà vietato. 100 persone ammesse dentro al Battistero invece, con la stessa limitazione durante le celebrazioni. Nel Camposanto potranno essere presenti contemporaneamente 250 visitatori, che scendono a 100 per il Museo dell'Opera del Duomo. Sarà in funzione esclusivamente la biglietteria centrale, munita di un apposito ingresso e di una uscita: al suo interno potranno sostare tre visitatori e saranno aperti due sportelli. L'Opera della Primaziale Pisana ha pensato anche ad un'agevolazione per tutti i residenti nella Provincia di Pisa, per consentire loro di riabbracciare i luoghi che simboleggiano l'intero territorio: tutti i giovedì di giugno (4, 11, 18 e 25) potranno visitare gratuitamente, esibendo un documento d'identità, tutti i siti della Piazza.

Per i visitatori provenienti da fuori Provincia, nella giornata di sabato 30 maggio, c'è un'altra sorpresa: alle prime 50 persone che acquisteranno il biglietto di ingresso a uno dei monumenti o musei, verrà regalata la copia del volume del 1930 scritto dall'esperto d'arte Vincenzo Biagi sui tesori di Piazza dei Miracoli. Il segretario della Primaziale, Gianluca De Felice, e il direttore tecnico Roberto Cela illustrano gli altri dettagli che caratterizzeranno la riapertura del sito patrimonio dell'Unesco: "Tutti gli operatori addetti al controllo dei visitatori saranno dotati di un palmare che monitorerà in tempo reale il numero di presenze all'interno di monumenti e musei. I nuovi protocolli sono stati inviati a tutti i tour operator, alle guide turistiche e alle agenzie di viaggio, in modo da favorirne la conoscenza".

Dal 3 giugno riprenderanno a pieno regime anche i lavori di cantieristica e manutenzione all'interno della Piazza, "anche se la cura del prato, la vigilanza di tutti i siti e la manutenzione minima non sono mai venuti meno. Piazza dei Miracoli, grazie all'impegno di tutte le maestranze coinvolte, si ripresenta al pubblico con un volto perfetto" spiega Roberto Cela. Il direttore tecnico specifica anche che "per tutti i lavoratori è previsto il controllo della temperatura all'ingresso dei cantieri, con una zona preposta all'igienizzazione e sanificazione". Anche i momumenti e i musei verranno igienizzati e sanificati quotidianamente, "utilizzando prodotti che non danneggeranno i tesori custoditi nella Piazza. La Torre verrà sanificata tutte le sere, mentre il resto dei siti svolgerà questa operazione la mattina".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'auspicio da parte dell'Opera della Primaziale Pisana è di accogliere un turismo di prossimità, contenuto dai confini nazionali e difficilmente proveniente dall'estero. "Se riuscissimo a conteggiare il 25% del totale dei flussi accolti nel 2019, potremmo dire di aver salvato il 2020. Ma realisticamente, si tratta di un'ipotesi soggetta a tantissime variabili. La più importante di tutte è la fiducia dei visitatori: più i turisti avvertiranno sicurezza, maggiore sarà anche la voglia di tornare ad ammirare le nostre bellezze". E proprio sulla base dei numeri che si registreranno nelle prossime settimane, l'Opera della Primaziale Pisana deciderà se mantenere invariate le tariffe d'ingresso ai monumenti oppure applicare alcune scontistiche. Certo, invece, l'annullamento dell'edizione 2020 di 'Anima Mundi'.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Covid a scuola: classi in quarantena nel pisano

  • Covid in classe: cinque nuovi casi nelle scuole di Pisa

  • Caccia al cinghiale estesa oltre i confini ordinari

  • Barman deceduto a Pontedera: annullata la Festa del Commercio

  • Mareggiata a Marina di Pisa: allagamenti e pietre sul lungomare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento