Cronaca

Castelfranco di Sotto: con la nuova App del Comune un passo avanti nella digitalizzazione

Un servizio gratuito che permette di essere informati su servizi ed eventi del territorio di Castelfranco

La nuova App del Comune

E' stata lanciata dal Comune di Castelfranco di Sotto la nuova App che permette, gratuitamente, di essere informati sulla vita del territorio castelfranchese. L’applicazione è già disponibile sugli Store Apple (iOS) e Google (Android) e permetterà di avere sui propri dispositivi mobile (tablet e smartphone) tutti i servizi e i vantaggi che il Comune offre ai propri cittadini e non solo. Con pochi semplici click sarà possibile scoprire l’offerta sul territorio sia a livello turistico (dove mangiare e dormire, luoghi da visitare ed eventi), sia a livello di servizi erogati al cittadino.
Un canale nuovo e comodo per conoscere meglio le attività dell’amministrazione, ricevere le comunicazioni di servizio diramate dall’ente, sapere cosa succede nel paese e quali sono i soggetti e le strutture che operano sul territorio comunale.

La App è divisa in tre macro sezioni: Visitare, Vivere e Il Comune. Nella prima è possibile trovare tutte le informazioni utili sui locali dove poter mangiare e pernottare, oltre che i musei, le chiese e i monumenti di interesse storico e artistico. Nell’area Vivere invece il collegamento alle notizie pubblicate sul sito del Comune, un accesso privilegiato a tutti gli eventi in programma, consultabili anche attraverso un calendario annuale con tutte le manifestazioni in arrivo a Castelfranco. In questa sezione si trovano i contatti che possono essere utili per chi vive nel territorio comunale: medici, uffici postali, farmacie, veterinari, strutture sportive, associazioni. Infine l’area Il Comune rappresenta una vera e propria 'porta aperta' sull’amministrazione e gli Uffici di Piazza Bertoncini: un tramite diretto con chi amministra e lavora nei tanti settori di attività del Comune. In questa sezione è infatti presente anche uno speciale canale per inviare Segnalazioni: una modalità efficace, idonea e riservata per inviare suggerimenti all’amministrazione, oppure segnalare la necessità di manutenzioni o interventi.

“Oggi si compie un passo importante nel nostro Comune - ha commentato il sindaco Gabriele Toti - un traguardo che rappresenta la volontà di comunicare con i cittadini, semplificare il funzionamento e la gestione della macchina comunale e mettersi a disposizione, con tutti gli strumenti necessari, per uno scambio sinergico tra pubblico e privato. Continuiamo infatti a investire in innovazione perché crediamo fermamente che il cittadino debba essere messo in grado di accedere con facilità ai servizi erogati e le attività organizzate dal Comune, ma non solo. Questa applicazione è un ottimo veicolo per la promozione delle attività economiche presenti sul nostro territorio, è gratuito e davvero all’avanguardia”.

L’impegno di spesa per la realizzazione della App del Comune è stato di circa 4.000 euro, di cui un terzo è stato cofinanziato da un bando regionale per la sicurezza urbana.  

“La nuova App rappresenta l'ultimo tassello di un percorso più complesso di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione avviato ormai da tempo all’interno del palazzo comunale - ha spiegato l’assessore all’Innovazione, Giulio Nardinelli - un processo, avviato in tre fasi distinte, di cui fanno parte: la digitalizzazione delle procedure interne, la trasparenza nell’accesso del cittadino alla pubblica amministrazione e la semplificazione degli strumenti con i quali il cittadino può fruire di dati e servizi a disposizione. Il lavoro attuato finora dall’amministrazione ha portato alla graduale dematerializzazione documentale dei servizi al cittadino, che a breve potrà utilizzare anche un sistema di accreditamento digitale (Spid) che permette di accedere ai servizi della pubblica amministrazione sostituendo i vecchi sistemi di riconoscimento personale con un'identità digitale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castelfranco di Sotto: con la nuova App del Comune un passo avanti nella digitalizzazione

PisaToday è in caricamento