Appartamenti e parcheggi nell'ex cinema Ariston

Approvato dalla Giunta comunale il piano di recupero con variante al regolamento urbanistico: previste 20 residenze e 62 nuovi posti auto

La Giunta comunale di Pisa ha approvato la delibera che dà l’avvio al procedimento di formazione della variante urbanistica, la verifica di assoggettabilità a valutazione ambientale strategica (VAS) e la contestuale approvazione del piano di recupero dell’area dell’ex cinema Ariston, ormai dismesso da più di 10 anni. Una volta terminato l’iter previsto dalla legge, al posto dell'ex cinema saranno realizzate 20 nuove residenze di taglio medio piccolo e 62 posti auto "molti dei quali - sottolinea l'amministrazione comunale - utili ad assicurare una dotazione di parcheggi pertinenziali aggiuntivi al fine di ridurre almeno parzialmente la sosta lungo strada dei residenti del quartiere San Martino".

"Il piano di recupero - afferma l’assessore all’Urbanistica Massimo Dringoli - persegue l’obiettivo di una riqualificazione urbana dell’area, tenendo conto in primo luogo del miglioramento della percezione visiva e della relazione degli spazi edificati e, contestualmente, il recupero e il miglioramento delle aree a verde. Ci sono molti aspetti positivi, frutto di un lungo confronto con i proponenti, fra i quali mi preme ricordare la riduzione del 50% delle volumetrie esistenti, la realizzazione di parcheggi a servizio degli abitanti del centro storico, il recupero di un immobile lasciato in preda al degrado da oltre dieci anni".

Il prospetto dell’immobile su via Turati rimarrà sostanzialmente invariato e la nuova destinazione residenziale/direzionale prevederà parcheggi al primo e al secondo piano e appartamenti dal terzo al quinto e ultimo piano. "Un’operazione utile e necessaria - dice il sindaco Michele Conti - in linea con il programma di mandato che ha tra gli obiettivi quello di ripopolare il centro storico. Solo riportando residenti a vivere i quartieri come San Martino riusciremo a invertire la tendenza degli ultimi anni durante i quali i pisani si sono allontanati dalla città preferendo zone periferiche o comuni limitrofi, incentivando la nascita di iniziative commerciali e contribuendo a strappare parti importanti della nostra città al degrado e all’insicurezza".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Fisica, matematica, chimica: la Normale di Pisa è la prima università al mondo nella ricerca

  • Dà in escandescenze e devasta il ristorante di fronte a clienti e proprietari

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

  • Pontedera, scontro auto-moto: perde la vita 38enne

  • Cosa fare a Pisa nel weekend: gli eventi del 19 e 20 ottobre

Torna su
PisaToday è in caricamento