Coronavirus, i balneari: "Fateci fare manutenzione ai lidi in vista della stagione"

Fiba Confesercenti si fa portavoce delle necessità del settore e chiede al Governo disposizioni eque: "In Emilia Romagna e Abruzzo è permesso"

"Gli stabilimenti balneari hanno bisogno di tempo per allestire i propri lidi. Non siamo un negozio che riapre la saracinesca. Abbiamo bisogno di tornare al più presto sulla spiaggia per effettuare interventi necessari alla ripartenza e ci vuole tempo. Ovviamente nel rispetto di tutti i protocolli di sicurezza previsti per l’emergenza Coronavirus". E’ Gianluca Tiozzo, presidente del sindacato balneari Fiba di Confesercenti Toscana Nord, a lanciare un appello accorato alla Regione affinchè siano trovate le forme immediate per permettere ai proprietari di tornare nei propri stabilimenti e partire con le manutezioni. 

"In questi giorni abbiamo fortemente sollecitato la Regione Toscana al fine di permettere agli stabilimenti balneari, così come sta accadendo in Emilia Romagna e Abruzzo, di poter fare le manutenzioni, nel rispetto delle cautele - dice ancora Tiozzo - vorremmo ringraziare consiglieri ed assessori della disponibilità che la Regione ha avuto non solo nell’ascoltare le nostre istanze, ma facendosi carico con il Governo di chiedere equità di disposizioni all’interno della categoria a livello nazionale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tiozzo guarda anche al futuro: "Gli stabilimenti balneari potrebbero diventare, se e solo se le condizioni generali lo permetteranno come tutti ci auguriamo, uno strumento utile per la ripartenza del turismo italiano e soprattutto diventare un servizio a tutte le città di costa e per questo vorremmo farci trovarci preparati. Auspichiamo che il ministro Speranza ed il governo possano accogliere al più presto le nostre richieste anche alla luce del prolungarsi del blocco. Noi siamo pronti a fare la nostra parte ovviamente rispettando tutte le disposizioni di sicurezza che ci verranno comunicate".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Covid a scuola: classi in quarantena nel pisano

  • Covid in classe: cinque nuovi casi nelle scuole di Pisa

  • Barman deceduto a Pontedera: annullata la Festa del Commercio

  • Coronavirus in Toscana, 90 casi in più: a Pisa 24 nuovi positivi

  • Mareggiata a Marina di Pisa: allagamenti e pietre sul lungomare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento