Cronaca

Treno della Memoria: istituti superiori e Domus Mazziniana insieme per educare gli studenti al rifiuto dei razzismi

Un ciclo di appuntamenti che si svolgeranno all'interno degli istituti scolastici aderenti

Il Treno della memoria, l’esperienza formativa promossa dalla Regione Toscana che ogni due anni porta più di cinquecento ragazzi delle scuole superiori a visitare i campi di sterminio nazisti di Auschwitz e Birkenau e ad incontrare testimoni e sopravvissuti, si arricchisce quest’anno di una ‘stazione’ tutta pisana.
Un ulteriore tassello dunque, nel ricco quadro di iniziative che vede la nostra città al centro di un importante percorso civico e di memoria in questo anno così cruciale di ricordo delle conseguenze delle leggi razziali attraverso il coinvolgimento diretto delle principali istituzioni cittadine e toscane a partire dai tre atenei nel progetto di San Rossore 1938, cui questa iniziativa si ricollega idealmente.

Dopo il corso di formazione estivo che ha visto coinvolti decine di docenti di tutta la Toscana, le scuole pisane selezionate, l’IPSAR 'Matteotti', gli IIS 'Da Vinci-Fascetti' e 'Santoni' e il Liceo Scientifico 'Ulisse Dini', si sono riunite in un progetto per dar vita ad un percorso di formazione unico che coinvolga gli studenti di tutti gli istituti interessati.
“In questo modo - spiegano i docenti responsabili del progetto, Dario Danti (Liceo 'Dini'), Virginia Mancini (IIS 'Santoni'), Carmela Calfapietro (IIS 'Da Vinci-Fascetti') e Simonetta Simone (IPSAR 'Matteotti') - sfruttando le sinergie tra i diversi istituti sarà possibile avvicinare ai temi affrontati dal Treno della memoria, non solo gli studenti, che alla fine verranno selezionati per il viaggio, ma una platea molto più ampia, grazie ad un progetto diffuso che come sedi vedrà coinvolti tutti gli istituti interessati e che ha potuto avvalersi della consulenza scientifica della Domus Mazziniana, una risorsa preziosa per il nostro territorio e sempre più presente nella vita culturale pisana”.

“Si tratta - conclude proprio il direttore della Domus stessa Pietro Finelli, che sarà anche tra i relatori - di un’occasione unica per gli studenti della nostra città che avranno l’occasione di confrontarsi con studiosi di rilievo assoluto in campo nazionale come Guri Schwartz, docente di storia contemporanea all’Università di Genova e direttore della rivista 'Quest. Issues in Contemporary Jewish History', o Paolo Pezzino, a lungo docente nel nostro Ateneo e ora presidente dell’Istituto Nazionale 'Ferruccio Parri' che riunisce gli istituti della Resistenza e dell’età contemporanea attivi in Italia.

Il calendario degli eventi

Gli incontri avranno luogo dalle ore 15.00 alle ore 17.00:

26 ottobre: Pietro Finelli (Domus Mazziniana), Non per amicizia. Il razzismo nell'Italia fascista, Auditorium IIS 'Santoni', Largo C. Marchesi n. 12

9 novembre: Guri Schwarz (Università di Genova), Genesi e significato del giorno della Memoria, Aula Magna IPSSAR 'Matteotti', Via G. Garibaldi n. 194

14 novembre: Incontro con Bruno Di Porto (Comunità Ebraica di Pisa) e Bruno Possenti (Associazione Nazionale Partigiani d’Italia), Aula Magna Liceo Scientifico 'U. Dini', Via B. Croce n. 36

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Treno della Memoria: istituti superiori e Domus Mazziniana insieme per educare gli studenti al rifiuto dei razzismi

PisaToday è in caricamento